Cerca nel quotidiano:


Porto 2000, via all’acquisto delle quote. I nomi

Una commissione i cui componenti verranno nominati a breve, provvederà ad aprire i plichi delle diverse offerte in una seduta aperta ai concorrenti fissata per il prossimo 19 ottobre, alle ore 11

Mercoledì 12 Ottobre 2016 — 07:00

Mediagallery

Porto 2000: fa un deciso passo in avanti la gara per la cessione delle quote di maggioranza del soggetto che a Livorno gestisce i servizi di accoglienza ai crocieristi. Alle 12 sono infatti scaduti i termini per la presentazione delle offerte di acquisto. E la notizia è che ad essere scese in campo sono tre delle quattro cordate che a ottobre dell’anno scorso si erano fatte avanti per contendersi il 66% della società oggi controllata al 78% da APL e al 22% dalla Camera di Commercio

Il primo raggruppamento è costituito dalla Creuers del Port de Barcelona, che partecipa alla gara con una quota pari all’80%. Il terminalista catalano ha presentato l’offerta in partnership con il Tour Operator Aloschi Bros e con la società Bassani Adriatico Srl (entrambi partecipano ciascuna con una quota del 10%).

Una seconda cordata vede affiancate alla società che gestisce il terminal passeggeri di Olbia, la Sinergest Olbia spa (quota di partecipazione: 60%), la compagnia di navigazione Moby (5%), il terminalista labronico LTM (10%) e la Marinvest srl (25%).

Infine, il terzo player di riferimento è il CFG Cruise & Ferry Group. La conglomerata partecipa da sola ma è supportata da due imprese ausiliarie: la Grimaldi Euromed Spa e Costa Crociere.

A questo punto, dopo aver verificato la regolarità dell’invio delle offerte, il rispetto delle disposizioni generali e di quelle speciali contenute nel bando (o nella lettera di invito) e nel disciplinare di gara, la stazione appaltante, tramite una commissione i cui componenti verranno nominati a breve, provvederà ad aprire i plichi delle diverse offerte in una seduta aperta ai concorrenti fissata per il prossimo 19 ottobre, alle ore 11.

Riproduzione riservata ©

Cerchi visibilità? Contattaci: 1,1 milioni di pagine viste al mese e oltre 54.800 iscritti a Fb. Per preventivi https://www.quilivorno.it/richiesta-preventivo-banner/ oppure [email protected]

GRAZIE!


9 commenti

 
  1. # Livornese

    È i livornesi dove sono?

    1. # amaranto67

      ar mare, come sempre….

  2. # Liburnico

    I livornesi fanno quello per cui sono campioni del mondo, critiche a non finire e fatti punti!!!

  3. # Virgilio

    Nessun imprenditore locale? peccato e assurdo! altro regalo ale multinazionali straniere…

  4. # Max

    Ma perché avete mai visto prenditori portuali livornesi investire nel porto e nella città milioni ?? Io mai ..hanno sempre goduto del monopolio , senza far entrare nessuno , e senza investire niente se no il minimo indispensabile.

  5. # israel hands

    vedersi sfilare di sotto una autentica fattoria in chianti (come usa dirsi di qualche cosa davvero redditizio) è un fallimento che dovrebbe vedere alla gogna in piazza della Repubblica chi ha pensato una simile delirante privatizzazione; che poi a sostenerla siano gli ex comunisti sarebbe addirittura esilarante se non fosse che ci rimette la città tutta; una cosa però è certa certi amministratori, fatto il necessario esame di coscienza farebbero been a ritirarsi sulle panchine di villa fabbricotti a dare da mangiare ai piccioni perchè molto di più non possono davvero fare

    1. # carlitos

      per poter partecipare alla gara occorrono soldi e gruppi seri, e non roba da ribotta come noi siamo abituati a fare.

  6. # quintilio

    ma si perchè non far provare altri magari anno idee come a Rotterdam o Barcellona e ci stacchiamo dal provincialismo, troppo legato al vernacolare più che all’internazionalizzazione.

  7. # rena

    ma perché ci sono imprenditori a Livorno ,intendo quelli veri che creano ricchezza e lavoro a me non sembra ci sono, che si arricchiscono vendendo terreni alle amministrazioni per fare i centri commerciali