Cerca nel quotidiano:

Condividi:

Porto, 300 milioni per nuovi collegamenti ferroviari

Giovedì 4 Agosto 2022 — 14:11

Nella foto tratta dalla pagina Fb del sindaco Salvetti la mappa con le due nuove tratte ferroviarie elettrificate a semplice binario

Si tratta del collegamento Interporto di Guasticce-linea Pisa-Vada via Collesalvetti e della bretella fra Collesalvetti-Vada e la linea Firenze-Pisa, il cosiddetto bypass di Pisa. La soddisfazione del presidente Giani, del consigliere regionale Francesco Gazzetti, del vicepresidente di Confindustria Toscana e presidente di Confindustria Livorno Massa Carrara Piero Neri e della presidente di Confetra Toscana Gloria Dari

Trecentotrentasette milioni per i collegamenti ferroviari connessi al porto di Livorno. Si tratta del collegamento dell’Interporto di Guasticce alla linea Pisa-Vada via Collesalvetti e della bretella fra Collesalvetti-Vada e la linea Firenze-Pisa (il cosiddetto bypass di Pisa). E del recepimento, dopo l’incremento dei prezzi, della richiesta di ulteriori 11 milioni di euro per la realizzazione del collegamento del ponte di Signa. Lo ha deciso il Comitato interministeriale per la programmazione economica e lo sviluppo sostenibile (CIPESS) che ha approvato il contratto di programma di Rfi 2022-2026.  Gli interventi vanno  inquadrati in un  perimetro più ampio che riguarda le opere  per la realizzazione dei collegamenti ferroviari del porto di Livorno con il corridoio Ten -T Scandinavo – Mediterraneo.
Soddisfatti il presidente della Regione e l’assessore alle infrastrutture che ritengono questi interventi indispensabili per l’infrastrutturazione della  Darsena Europa nel porto di Livorno e del collegamento con le reti europee. Significa  traffico  più fluido e quindi un percorso più lineare e veloce delle merci. Soddisfazione è stata espressa anche dal consigliere regionale Francesco Gazzetti, dal vicepresidente di Confindustria Toscana e presidente di Confindustria Livorno Massa Carrara Piero Neri e dalla presidente di Confetra Toscana Gloria Dari.
Per il presidente della Regione i nuovi indirizzi del Cipess riconoscono la centralità della Toscana, la cui modernizzazione infrastrutturale rappresenta la modernizzazione infrastrutturale per tutta l’Italia, perché siamo nel cuore dell’asse strategico dei collegamenti nord-sud del Paese. E il  finanziamento di 338 milioni per i collegamenti ferroviari connessi al Porto di Livorno conferma questa visione. Il presidente spiega anche che il Cipess ha poi integrato e aumentato il finanziamento del Ponte di Signa in quanto progetto bandiera nazionale come intervento infrastrutturale, ambientale e di assetto idrogeologico. Il presidente della Regione – insieme all’assessore alle infrastrutture e mobilità della Regione – sottolinea infatti che il Cipess ha recepito la ulteriore richiesta di 11 milioni, che vanno ad aggiungersi ai 49,9 milioni di euro finanziati coi  Fondi di Sviluppo e Coesione.

Nel dettaglio il collegamento dell’Interporto di Guasticce alla linea Pisa-Vada di progetto consiste nella realizzazione di due nuove tratte ferroviarie elettrificate a semplice binario, con la funzione di potenziare i collegamenti del porto di Livorno alla rete ferroviaria nazionale e di migliorare la capacità il transito dei treni lungo il corridoio merci TEN-T tra la linea Pisa – Firenze e la linea Tirrenica. La finalità di questo primo tratto di linea è di migliorare il collegamento dell’area del porto di Livorno e dell’Interporto A. Vespucci, alla rete ferroviaria nazionale; in questo modo si completa la serie di interventi ferroviari realizzati e in corso di realizzazione in tale area, per il potenziamento del Porto di Livorno. Il secondo tratto, il bypass di Pisa, si stacca dalla Pisa – Collesalvetti – Vada, nella zona a Nord della località “il Faldo” e, bypassando la stazione e l’abitato di Pisa, si riconnette alla Pisa – Firenze. Il Bypass di Pisa, unitamente alla Pisa – Collesalvetti – Vada, realizzano un ulteriore passo del corridoio merci TEN-T consentendo l’interconnessione della Pisa – Firenze alla linea Tirrenica.

Condividi:

Riproduzione riservata ©