Cerca nel quotidiano:


Truck Village all’Interporto: arriva il finanziamento europeo

Il contesto di riferimento è rappresentato dallo sviluppo e dal miglioramento della rete di parcheggi sicuri e protetti per mezzi pesanti lungo la rete stradale primaria in Italia

Venerdì 24 Luglio 2020 — 15:47

Mediagallery

Claudio Bertini, direttore tecnico dell'Interporto Vespucci: "Siamo particolarmente soddisfatti sia perché rappresenta il riconoscimento europeo di uno dei nostri principali progetti sia perché ciò consentirà di ottenere un significativo contributo pari al 20% dell’intera opera"

Giovedì 16 luglio è stato formalmente approvato il progetto “Parking Areas implementing Safety and Security FOR (4) CORE network corridors in ITALY (PASS4CORE)”, presentato da un consorzio di attori nazionali di primo livello, con capofila A4 Trading,  Concessioni Autostradali Venete, Interporti (Consorzio ZAI Interporto Quadrante Europa di Verona, Interporto Padova, Cepim Interporto di Parma, Interporto Centro Italia Orte, Interporto Toscano Vespucci di Livorno), un aeroporto (SEA Società per Azioni Esercizi Aeroportuali), operatori privati (Cooperativa Porta Bagagli Padova srl, Costruzioni San Michele srl e GRIM srl) e il Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti attraverso il Comitato Centrale dell’Albo Autotrasportatori che si avvarrà, come implementing body, di RAM Logistica Infrastrutture e Trasporti spa.

Il contesto di riferimento è rappresentato dallo sviluppo e dal miglioramento della rete di parcheggi sicuri e protetti per mezzi pesanti lungo la rete stradale primaria in Italia. Al momento infatti, esistono solo 2 aree di parcheggio certificate in Italia, e l’iniziativa rappresenta quindi uno step di completamento essenziale e strategico a livello nazionale.

“Siamo particolarmente soddisfatti del risultato – spiega il direttore tecnico dell’Interporto Vespucci, ingegner Claudio Bertini –  sia perché rappresenta il riconoscimento europeo di uno dei nostri principali progetti, che vedrà la realizzazione di una importante area di sosta sicura lungo la FI-PI-LI,  sia perché ciò consentirà di ottenere un significativo contributo pari al 20% dell’intera opera. L’intervento consentirà di inserire l’Interporto Vespucci nella rete Europea dei parcheggi sicuri e protetti offrendo un’importante servizio per il mondo della logistica ed in particolare per la sicurezza dei trasportatori e delle loro merci.

Riproduzione riservata ©