Cerca nel quotidiano:


Livorno Music Festival, tra i big c’è anche Bollani

Questa edizione che avrà luogo a partire dal 23 agosto e durerà fino al 7 settembre, si articola in un intensissimo programma di diciotto concerti

Venerdì 19 Agosto 2016 — 15:18

Mediagallery

di Virginia Pedani

Unire la grande musica ad alcuni dei luoghi culturalmente più significativi della nostra città: questo è l’obiettivo del Livorno Music Festival che, giunto alla sesta edizione, è riuscito a toccare traguardi molto importanti e a diventare un evento di grande rilievo a livello locale e non (clicca sul link in fondo all’articolo per consultare, scaricare e conservare il programma della manifestazione).
Questa edizione che avrà luogo a partire dal 23 agosto e durerà fino al 7 settembre, si articola in un intensissimo programma di diciotto concerti, trasformando Livorno in un vero palcoscenico musicale con caratteristiche innovative e uniche, prima fra tutte l’incontro e la collaborazione di grandi artisti di fama internazionale e giovani talenti. Tra i big anche Stefano Bollani (nella foto tratta dalla sua pagina facebook) che sabato 3 settembre incontrerà i giovani al Teatro Goldoni.
Si viene a creare così un cartellone concertistico di altissimo livello che ha alla base di tutto il concetto di suonare insieme.
“Il Festival quest’anno presenta molte novità che lo arricchiscono e lo rendono un evento culturale che travalica i confini cittadini” – spiega Vittorio Ceccanti, direttore artistico e primo fautore del progetto – “Anzitutto torna la collaborazione con il Teatro Goldoni, luogo chiave musicdell’espressione artistica della città, e poi verrà utilizzato uno spazio nuovo per i concerti ovvero la Villa del Presidente (vecchia sede dell’Istituto superiore Mascagni) , che è stata chiusa per molti anni ma dagli ultimi tempi è pronta per rinascere all’insegna della cultura. Ultima novità ma non meno importante è il raddoppio della collaborazione economica e organizzativa con la Fondazione Piaggio”.
Il vero focus della sesta edizione è però un altro: la nuova sinergia che si è creata fra i giovani talenti del Mascagni di Livorno e i maestri professionisti del Livorno Music Festival che suoneranno insieme. Con questa novità si intende perfezionare sia il piano artistico, rendendo il Festival un Festival con delle grandi potenzialità anche a carattere regionale, sia il piano della didattica, delle opportunità per i giovani labronici e di tutto il mondo.  Possiamo permetterci di dire tutto il mondo perché la musica conosce e trasmette un messaggio universale, music festivalcapacità sempre più rara in questi tempi contrassegnati sempre di più dalle barriere e diversità linguistiche, fisiche e culturali.
Abbiamo parlato di luoghi più significativi della città e con questa affermazione ci riferiamo alla Chiesa di San Ferdinando, alla Fortezza Vecchia, al Teatro Goldoni, alla Villa del Presidente, al NH Grand Hotel Palazzo, al Museo Piaggio, al Museo di Storia Naturale del Mediterraneo e al Museo Civico Giovanni Fattori.  Quest’iniziativa sicuramente insieme al Cacciucco Pride, ad Effetto Venezia e ad altri eventi di minor importanza dell’estate livornese, contribuisce a dar visibilità e riscoperta alla nostra città, troppo spesso criticata in materia di iniziative, eventi e attrazioni culturali. Ogni informazione circa l’evento è reperibile sul sito ufficiale www.livornomusicfestival.com

Riproduzione riservata ©

2 commenti

 
  1. # livornese

    Fra tutte le manifestazioni non hanno ricordato Estate a Villa Trossi l’unica vera manifestazione culturale di alto livello della nostra città

  2. # il critico

    Sicuramente Estate a Villa Trossi è molto più culturale del cacciucco pride