Cerca nel quotidiano:


QuiLivorno.it invita i lettori ad una “discussione informata”

Sicuro di aver letto l'articolo? Se SI', commenta. Se NO, non commentare. Come Twitter, anche noi da oggi promuoviamo una discussione informata. Quindi lettori, prima di commentare un qualsiasi articolo postato sui nostri social e/o pubblicato in home page assicuratevi di averne letto il contenuto

Giovedì 11 Giugno 2020 — 16:21

Mediagallery

Lettori, QuiLivorno.it sposa l'iniziativa di Twitter e caldeggia fortemente una discussione informata. Vi invitiamo per questo ad un piccolo sforzo: prima di commentare un qualsiasi articolo, di un qualsiasi argomento, assicuratevi di averne letto il contenuto

Twitter ci sta provando. Vogliamo farlo anche noi. Lettori, QuiLivorno.it caldeggia fortemente la informed discussion, “discussione informata”, promossa dal noto social network e vi invita per questo ad un piccolo sforzo: prima di commentare un qualsiasi articolo, di un qualsiasi argomento, postato sui nostri social e/o pubblicato in home page assicuratevi di averne letto il contenuto. Non, e lo ripetiamo il non, fermatevi al titolo. I nostri titoli, per quanto legati al contenuto dell’articolo, non potranno mai racchiudere tutte le informazioni presenti nell’articolo stesso. Quindi: sicuro di aver letto l’articolo? Se la risposta è SI, allora commenta. Se è NO, non commentare. In più, vi chiediamo un altro piccolo sforzo: nel commentare rimanete legati all’argomento, non divagate aprendo discussioni che nulla hanno a che fare con l’articolo in cui state per lasciare il commento. L’account Twitter Support:

Sottoscriviamo. E se anche tu sottoscrivi, condividi questo articolo per aiutarci nell’intento.

Riproduzione riservata ©

35 commenti

 
  1. # Danilo

    Bene. Sottoscrivo.

  2. # andrea 45

    Bene anche se dubito che molti lo facciano. speriamo!

    1. # Sampei

      Fate bene …però siccome io sono una persona educata e rispettosa e nonostante non scriva volgarità ma quando commento mi piace dire la mia opinione a volte contro l’articolo e bene proprio in quelle occasioni non vedo pubblicato il mio commento. Se volete fate pure ma così non siete democratici.Spero che almeno questo lo pubblichiate

  3. # sergio

    Sottoscrivo

    1. # Peter

      Sarà dura.

  4. # Alessandro Bientinesi

    Bravi bella iniziativa, però se me lo consentite dovreste pubblicare anche i commenti che sono più critici e forse anche più polemici ( fate bene a non pubblicare quelli volgari ed ignoranti) .

    1. # Federico Simonetti

      Concordo, spesso censurano e non se ne comprende il motivo. Quando ovviamente non si offende e non si usano vocaboli inadatti.

    2. # ugo

      bravo

  5. # Fabio

    Uno legge poi commenta. Ma voi pubblicate invece di scartare quello che vi torna scomodo.

    1. # ugo

      bravo

  6. # Dredd

    …e voi come mai aprite i commenti SOLO agli articoli che vi pare? Per non parlare delle censure….

    1. # ugo

      bravo

  7. # Skorpyo

    Peccato non vedere i miei commenti, è capitato più di una volta. Forse perché non uso un nome in chiaro? Forse perché non conta l’idea, per quanto espressa civilmente, ma l’identità di chi la esprime?

  8. # Mirko

    Chi é che commenta leggendo solo il titolo? Mah!

    1. # de ma de

      De io… un vorrai mi che perdo ir mi tempo a leggere de….si commenta e via…de

  9. # marius

    senz’altro sottoscrivo..

  10. # Andrea Cognetta

    Io chiedo a voi di usare filtri “censori” un po’ meno stretti, perchè basta uscire un minimo dal “politicamente corretto” e scrivere qualcosa di forte, che può dare fastidio perchè pone in risalto temi non banali e responsabilità gravi delle persone comuni o non comuni, che voi non lo pubblicate. Almeno questa è la mia esperienza… Mi piace quilivorno.it e l’informazione che date, non mi piacciono i vostri, per me eccessivi, filtri rispetto ai commenti….

  11. # Salvatore

    Peccato che in un paese democratico ci sia ancora chi “gestisce” i commenti…No alle volgarità, questo è giusto, ma la libertà di parola non la togliete

  12. # Fabio

    Basterebbe cestinare i commenti offensivi e volgari.
    Il resto è libertà di opinione, cosa che ultimamente viene gestita un po’ troppo da QuiLivorno.it, e me ne dispiace perche “sembrava” una ventata di aria fresca a Livorno.

  13. # karl

    Provinciali..come sempre

  14. # ugo

    io sono spesso censurato perchè sono molto scomodo’

  15. # ugo

    se intendete svolgere un servizio pubblico dovete accettare di pubblicare anche i commenti che sono negativi ma costruttivi nei confronti dei politici che amministrano a nostra città. Questa è vera democrazia, non quella parziale che avete adottato fino ad ora….. Vedete un po voi…….Lo pubblicherete? Vediamo di che pasta siete fatti…..grazie

  16. # Walter

    Sottoscrivo. Bravi! Chiedere di informarsi è tutto tranne che antidemocratico..

  17. # Demetrios Dumarones

    Non so bene cosa ci sia scritto nell’articolo, ma sono sostanzialmente d’accordo!!! 😉

  18. # Mario

    Condivido perfettamente, però molti miei commenti critici non sono mai stati pubblicati pur SEMPRE scritti nella correttezza

  19. # Fabio1

    Direi che è scontato, senza dover specificare. Altrettanto vero che molte volte date rilevanza ad articoli blandi e la “censura” dei nostri commenti è veramente a caso.

  20. # Shuster

    La mettete sul piano che la colpa è di chi non legge e commenta… Ma come notano anche altre persone, che vi hanno qui risposto, più di una volta non pubblicate i commeti (e si chiama: censura) e altre volte, non mettete la possibilità di commentare certi articoli ( e si chiama: essere di parte ed evitare problemi)…Fate un po’ voi!!! Vediamo se pubblicate questo….

    1. # Milo Chiarugi

      Giustissimo, e i giornalisti dovrebbero smettere di pubblicare titoli accattivanti e fuorvianti. Questa “libertà di stampa” è solo dannosa.

  21. # ma_squared

    concordo

  22. # Domenico

    BELLA INIZIATIVA ! Commentare senza aver letto un articolo equivale a interrompere un confronto prima di aver sentito l’opinione dell’altro. In merito alla citata censura penso che noi lettori non possiamo pretendere di vedere sempre pubblicati i nostri commenti, credo le variabili in gioco siano varie (tempo a disposizione per esempio). Propongo di dare respiro a più commenti laddove riferiti ad articolo interessante per Livorno (esempio domenica in bicicletta). Infine un piccolo appello: mostriamo il nostro nome, forse non tutti sanno che la cosa che maggiormente piace sentire ad una persona è il proprio nome …

  23. # Attila

    Mi ero riproposto di non intervenire più, ma ritengo opportuno riprendere il discorso poichè sono un appassionato della STORIA di LIVORNO e dato che lo insegno nelle scuole faccio talvolta riferimento per ricordare a tutti quanto sia bella non solo LIVORNO, ma il suo percorso storico..

  24. # Paolo

    Ottima iniziativa!
    Magari evitate di censurare commenti non volgari e rispettosi, solo perché diversi dal “vostro” pensiero…

  25. # Troppabiada

    Mammamia ma quanto censurate?

  26. # Alfonso Mariotti

    Ma la cosa bella è che per far vedere che loro non censurano, pubblicano random commenti che si lamentano della censura…magari come questo!

    1. # Fabio

      Commento da fine gourmet…. pura metacomunicazione, bravo!