Cerca nel quotidiano:


Giornata internazionale dell’infermiere

informazione a pagamento. Ecco le iniziative messe in campo dall’Ordine delle Professioni Infermieristiche di Livorno per sabato 12 maggio. "L'infermiere è il professionista che riconosce ogni forma di fragilità e non lascia mai sola la persona"

Venerdì 11 Maggio 2018 — 14:40

Mediagallery

La professione infermieristica ha come suo scopo il rapporto con le persone e le comunità che hanno bisogno di una risposta ai loro problemi di salute, che necessitano di cure e assistenza, di aiuto nei luoghi di vita, di supporto e promozione per gestire autonomamente la propria salute e garantire scelte consapevoli ed adeguate (nella foto tratta dal sito ipasvilivorno.it un momento dell’assemblea annuale).

L’infermiere è il tuo principale alleato – Secondo i risultati dell’Osservatorio civico Fnopi-Cittadinanzattiva, i cittadini, oltre che in ospedale, vorrebbero più infermieri sul territorio: a domicilio, nelle scuole, in farmacia, vorrebbero istituzionalizzata la figura dell’Infermiere di famiglia/comunità in analogia con la figura del medico di medicina generale. Vorrebbero avere la possibilità di consultare Infermieri esperti ad esempio in trattamento di ferite/lesioni cutanee. Le conoscenze tecnico-scientifiche e relazionali peculiari della professione, unitamente al ruolo di maggiore prossimità nei confronti dell’assistito rispetto ad altre figure sanitarie, eleggono l’infermiere come colui che è in grado di difendere e sostenere le rispettive famiglie e le comunità.

L’infermiere fa la differenza nella tua salute – Quante volte si ha bisogno di un Infermiere ed è difficile trovarlo? Il Servizio sanitario nazionale deve farsi carico di mettere a disposizione più Infermieri. Questo perché, nel corso del tempo, abbiamo dimostrato di poter essere decisivi e all’altezza in tutti i contesti in cui siamo stati chiamati a confrontarci: dalla nuova frontiera della libera professione, alle delicate fasi del fine vita o all’area dell’emergenza-urgenza. Intanto, le patologie croniche aumentano così come la non autosufficienza. I bisogni di questo tipo avrebbero necessità di un modello nuovo di assistenza presente ora solo in alcune aree del Paese. C’è bisogno di interventi a monte, di tipo normativo e amministrativo, che valorizzino le nostre competenze specialistiche, che ridisegnino i percorsi per la fragilità e la cronicità, consegnando al cittadino un sistema sociosanitario immediatamente fruibile, senza troppi oneri e burocrazia.

Più infermieri ti garantiscono più sicurezza e diritti delle cure – Siamo l’Ordine più numeroso d’Italia: rappresentiamo oltre 447mila professionisti. Siamo tanti, ma dovremmo essere di più. Per salvaguardare meglio la Salute pubblica intesa come diritto umano, concetto-guida di questa edizione 2018 della Giornata internazionale dell’Infermiere. Oggi, per rendere efficiente il sistema di assistenza continua che caratterizza ormai tutti i Paesi più avanzati, mancano all’appello almeno 20mila infermieri in ospedale e 30mila sul territorio. L’Italia ha bisogno di Infermieri e di Infermieristica. Eppure assistiamo ad un costante decremento del numero di professionisti in Sanità: tagliare sugli investimenti significa far crescere i costi complessivi. Ricerche internazionali continuano a confermare questi dati, così come l’aumento della mortalità in ospedale cresce se il carico di lavoro per gli Infermieri è eccessivo. Basta infatti ridurre il numero di pazienti gestiti dal singolo operatore, facendoli passare da 10 a 6, per registrare una diminuzione della mortalità del 20%. Oggi riteniamo che lo si debba fare rispettando la volontà del paziente in un percorso che coinvolga l’intera équipe curante. “Nulla che mi riguardi senza di me” è un orientamento fondamentale che deve essere condiviso non solo dalle altre professioni sanitarie e dai cittadini che lo hanno coniato, ma soprattutto dalle istituzioni che ne regolano l’attività.

Noi Infermieri ci impegniamo a fare la nostra parte per garantire il tuo diritto alla salute. Con te accanto saremo tutti più forti.

Queste le iniziative messe in campo dall’Ordine delle Professioni Infermieristiche di Livorno:

11 maggio, ore 14.30
Hotel Borgo degli Ulivi, Riotorto (LI)
Evento formativo
LA GESTIONE DEL PAZIENTE NEL FINE VITA, IL TESTAMENTO BIOLOGICO (1a edizione)

12 maggio, ore 14.30 Hotel Rex, Livorno
Evento formativo
LA GESTIONE DEL PAZIENTE NEL FINE VITA, IL TESTAMENTO BIOLOGICO (2a edizione)

Nella giornata del 12 maggio sono in programma: la premiazione bando Ceragioli Del Lucchese/OPI Livorno per le migliori tesi dei neolaureati A.A. 2016-17; la consegna targhe per i 25 anni di iscrizione all’Ordine; cena sociale.

Info: www.ipasvilivorno.it

informazione a pagamento

Riproduzione riservata ©