Cerca nel quotidiano:


Asl, i redditi di tutti i medici

Tra i dottori più pagati nella zona livornese il dermatologo Giovanni Bagnoni, il neurochirurgo Orazio Santonocito e il ginecologo Andrea Antonelli

mercoledì 01 agosto 2018 08:32

Mediagallery

Come ogni anno il sito dell’Asl Nord Ovest Toscana pubblica, sotto la voce “amministrazione trasparente”, i redditi dei medici in un file (scaricabile con un clic sul pdf pubblicato in fondo all’articolo) intitolato “Emolumenti a carico della finanza pubblica anno 2017”.
Tra i dottori di area livornese più pagati troviamo in testa alla classifica il dermatologo Giovanni Bagnoni il cui reddito tocca quota 458.738 euro di cui 353mila euro guadagnati in intramoenia (terzultima colonna della tabella pubblicata).
A seguire tra i medici maggiormente retribuiti troviamo Orazio Santonocito, il primario di neurochirurgia con 346.885 euro. Sull’ultimo gradino del podio Andrea Antonelli, primario di ginecologia di Cecina (275.067 euro) e, a ridosso, Domenico De Luca, primario di oculistica con 256.273 euro. Il primato assoluto di questa speciale classifica dell’area vasta Nord Ovest dell’Asl spetta però a Massimo Cecchi, urologo versiliese che, con i suoi 858mila euro di cui oltre 700 di intramoenia, abbatte ogni record.
La lista completa di tutti i medici è consultabile con un clic al link sottostante.

Riproduzione riservata ©

12 commenti

 
  1. # Nini

    Per fortuna ci sono loro!!!! Grazie per tutto quello che fate!!!!

  2. # ElMoroSchietto

    Condivido con “Nini”che il loro lavoro è da elogiare senza dubbi.Quello che mi viene da chiedere,a questi Signori, è che potrebbero anche rendere un po’ più snella la USL riducendo le liste di attesa,grazie.

  3. # Msrio

    E lo fanno gratis.

  4. # Daniela

    Ma mi domando …?!?!non potrebbero via via per umanità fare un po’ di visite gratis oppure abbassare un po’ i prezzi … in modo che anche i poveracci possono curarsi visto le lunghe attese per un ticket basso ! E per rendere il pronto soccorso meno intasato da persone che hanno un problema che magari il dottore di base manda da uno specialista mirato sulla problematica ,e che per un appuntamento a basso costo ci vogliono mesi e visita a pagamento talmente alte da far venire i giramenti di testa .

  5. # Chiara

    Vorrei sapere (senza polemiche, proprio per capire) da dove nasce sempre questa curiosità per il reddito di questa categoria. Non capisco perché non si pubblichi mai il reddito di notai, avvocati oppure, se vogliamo rimanere nella sfera pubblica, di magistrati, funzionari del comune, ingegneri del comune, sindacalisti ecc. Io sono insegnante e non c’e per esempio mai stata la curiosità di pubblicare lo stipendio (lordo annuo, perché di questo si parla) dei Dirigenti Scoladtici.
    Poi mi viene da ridere sul commento che lo fanno gratis…perché dovrebbero? Lei lavora? Lavora a gratis per caso?
    Poi se ci sono le liste infinite ringraziate chi ci governa che non bandisce concorsi per di assumere medici e infermieri e coprire il fabbisogno…

    1. # Daniela

      Con tutti quei soldi che guadagnano … visto come citi tu mancanza di personale e chi ci governa … un po’ di volontariato e alle persone più povere con tanti problemi gravi e non … di mettersi a disposizione magari una volta a settimana !!!! Sai che c’è persone che non hanno figli non hanno soldi a sufficienza per mangiare e non possono pagare queste visite in privato da capo giro ! Io lavoro si , e aiuto le persone in difficoltà a GRATIS ! Da sempre un po’ di umanità e umiltà da parte di tanti non guasterebbe …

      1. # Chiara

        Infatti a prescindere dai loro stipendi…chi ti dice che non facciano volontariato? Mica si può fare nelle strutture se non hai posti dedicati…Nonnpossono mica (per legge) fare visite all’ASL sotto forma di volontariato, semplicemente perché la struttura non lo permetterebbe da un punto di vista assicurativo…
        Magari lo fanno da qualche altra parte!
        Mi sembra che siate parecchio prevenuti… mah…
        Il problema sono le chiacchierer da bar… senza informarsi s dovere…

      2. # Maruzzella

        E chi le dice che non lo facciano?

  6. # Stefano

    A prescindere tanto di cappello al lavoro dei medici, come potete notare, molto del guadagno è per intramoenia…questo deve far riflettere….Non credo che la maggior parte dei pazienti paghino per essere coccolati come privati, ma semplicemente perchè non possono aspettare mesi per una visita e sono costretti a andare dallo stesso medico, a pagamento. Ieri per fare un esempio. prenotazione per ecografia mammaria settembre 2019 e mammografia agosto 2020.. da privati, con spesa totale di 110 euro, tre giorni…meditate gente, meditate

    1. # Daniela

      👍 bravo ! Non hanno neanche il tempo di Farlo gratis per i più poveri e malati ! Allora come dici tu Stefano magari un giorno in meno di visite a pagamento ! Poi si lamentano del pronto soccorso intasato … ma se il medico di base ti manda da uno specialista ? O paghi o sei del gatto ! Ma il disturbo c’è e ti rechi al pronto soccorso ( che non è giusto ) ma non è che siano tutti furbetti è che ,c’è gente alla fame ! Un po’ di elasticità da parte dei medici che fanno un lavoro sensazionale ma le visite sono troppo costose e dovrebbero eseguirle ad cifra più bassa e dignitosa per ogni paziente . Dare a tutti la possibilità di curarsi !!!!

  7. # rena

    Francamente trovo stucchevole tutto questo proliferare di liste di redditi medici e non , ma se un medico è valido fa il suo dovere nella struttura dove opera non vedo cosa sia di male se guadagna quelle cifre trovo invece deplorevole le cifre che guadagnano alcuni giocatori che sono anche 100 volte lo stipendio di un medico , per dare due calci ad un pallone , invece nessuna ha da ridire su questa cosa evidentemente in questa società le scale dei valori sono rovesciate

  8. # Daniela

    Deve finire sta storia che chi è povero e non può spendere perché non ne ha non può curarsi . È assurdo è mortificante ! Ripeto i medici sono eccellenti ed è giusto i loro guadagno , ma se si potesse mettere magari le cifre più basse e dedicare un giorno alle persone meno fortunate e bisognose di cure sarebbe proprio stupendo .

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Dichiaro di aver letto, ai sensi dell'art. 13 D.Lgs 196/2003 e degli art. 13 e 14 del Regolamento (UE) 2016/679, l'Informativa sulla Privacy e di autorizzare il trattamento dei miei dati personali.
Il commento e il nick name da lei inseriti potranno essere pubblicati solo previa lettura da parte della redazione. La redazione si riserva il diritto di non pubblicare o pubblicare moderandolo sia il commento che il nick name. Se acconsente prema il bottone qui sotto “commenta l’articolo”.