Cerca nel quotidiano:


Caldo, pronto soccorso preso d’assalto. I consigli

I maggiori pronto soccorso della Asl Toscana nord ovest sono stati presi d’assalto da cittadini che, prevalentemente a causa del caldo, hanno dovuto ricorrere alle cure dei sanitari

lunedì 01 Luglio 2019 19:19

Mediagallery

Un inizio settimana difficile per i maggiori pronto soccorso della Asl Toscana nord ovest (clicca qui per i consigli) che sono stati presi d’assalto da cittadini che, prevalentemente a causa del caldo, hanno dovuto ricorrere alle cure dei sanitari. Per questo motivo le attese per un eventuale ricovero si sono prolungate mettendo a dura prova il personale dell’azienda che la direzione ringrazia per il costante impegno e contemporaneamente si scusa con la cittadinanza per questa temporanea situazione di difficoltà. Purtroppo le alte temperature hanno portato al riacutizzarsi di patologie croniche tipiche di pazienti anziani nei quali sono state spesso riscontrate problematiche legate alla disidratazione e, vista l’età avanzata, in molti casi si altera un già fragile equilibrio. Si tratta di pazienti complessi che richiedono una grande attenzione ed un rilevante impegno assistenziale.

L’azienda rassicura che, al di là dell’attesa, le persone che hanno accesso al pronto soccorso vengono adeguatamente prese in carico e trattate prima  di essere ricoverate.  I medici raccomandano, in particolare alla popolazione anziana, di bere frequentemente e di non uscire nelle ore calde.

Riproduzione riservata ©

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Dichiaro di aver letto, ai sensi dell'art. 13 D.Lgs 196/2003 e degli art. 13 e 14 del Regolamento (UE) 2016/679, l'Informativa sulla Privacy e di autorizzare il trattamento dei miei dati personali.
Il commento e il nick name da lei inseriti potranno essere pubblicati solo previa lettura da parte della redazione. La redazione si riserva il diritto di non pubblicare o pubblicare moderandolo sia il commento che il nick name. Se acconsente prema il bottone qui sotto “commenta l’articolo”.