Cerca nel quotidiano:

Condividi:

“Dopo il parto mamma e bambino insieme ma sempre con le dovute attenzioni”

Mercoledì 25 Gennaio 2023 — 19:50

In merito alla discussione in corso a livello nazionale sul roomingin, parla il direttore del dipartimento materno infantile dell’Azienda USL Toscana nord ovest Luigi Gagliardi

In merito alla discussione in corso a livello nazionale sul roomingin, il direttore del dipartimento materno infantile dell’Azienda USL Toscana nord ovest Luigi Gagliardi evidenzia che si tratta di una pratica ormai consolidata e sicura, sempre con le dovute attenzioni e precauzioni. “Il rooming in – spiega il dottor Gagliardi – è la possibilità per la mamma di tenere nella propria camera il bambino, dopo il parto, senza limiti di orario. Il nome inglese potrebbe far pensare a una pratica moderna, ma in realtà viene attuata praticamente da sempre ed è stata riscoperta e valorizzata soprattutto negli ultimi decenni. Oggi è presente in ogni ospedale, sul territorio della nostra Asl ma anche a livello regionale e nazionale, ed è alla base dell’attuale modello organizzativo della Maternità, che prevede la gestione congiunta di madre e bambino. I numerosi benefici del rooming in sono confermati da vari studi e sono sostenuti dalle principali società scientifiche italiane d’area perinatale. Tra i vantaggi segnalo in particolare che il contatto prolungato subito dopo la nascita favorisce la creazione e il rafforzamento di un legame speciale, profondo e unico, tra la mamma e il neonato. Questa pratica, ormai consolidata nei nostri reparti ospedalieri, si lega anche al corretto avvio dell’allattamento al seno, oltre che alla cura e alla gestione del neonato. Inoltre, rappresenta un fattore di ulteriore sicurezza del neonato che è più protetto da contatti esterni in questa fase iniziale della vita. Per quanto riguarda la condizione del co-sleeping (mamma e bambino che dormono nello stesso letto), come dicono le società scientifiche, che sono intervenute sulla questione, “la condivisione del letto fra una madre vigile ed un neonato sano, messo in una posizione di sicurezza, è un fatto naturale, pratico, indiscutibile”. Come in ogni altra situazione legata alla salute e alla gestione del bambino, è però necessaria grande attenzione da parte della madre e degli altri familiari, che devono essere adeguatamente informati, coinvolti e supportati, anche dal punto di vista psicologico. E’ del tutto naturale che una mamma, dopo il parto, possa sentirsi stanchissima, anzi esausta, e possa aver bisogno di aiuto e di sostegno. Il rooming in deve essere vissuto in ogni caso come una scelta libera della mamma e mai come un’imposizione della struttura sanitaria. Non vorrei banalizzare ma è una situazione simile a quando siamo alla guida della nostra auto: se ci accorgiamo che non siamo completamente lucidi, prima di addormentarci, possiamo fermarci un attimo o magari far guidare qualcuno che è al nostro fianco. Alla stessa maniera se una donna ha con sé il proprio piccolo e capisce di essere vicina ad assopirsi può affidare il bambino a un familiare o a un operatore sanitario. Non bisogna mai fare i supereroi. Questa attenzione è richiesta per i primi sei mesi di vita, quindi anche oltre alla permanenza della diade madre-neonato nel punto nascita. Quindi sì a proseguire il rooming-in. La paura è sempre una cattiva consigliera, ma dobbiamo avere consapevolezza e rispetto del momento di fragilità della mamma e del suo bambino”. “Il nostro personale – chiude Gagliardi – è ovviamente a disposizione durante il rooming-in, in aiuto alle mamme e ai familiari, e anche per fornire tutte le informazioni e i chiarimenti necessari, su una tematica oggi molto analizzata e dibattuta anche sugli organi d’informazione e sui social network”.

Condividi:

Riproduzione riservata ©