Cerca nel quotidiano:


Inaugurato il nuovo reparto di Riabilitazione. E a Rianimazione 4 letti in più

Il direttore generale De Lauretis: "Adesso un'equipe di trenta fisioterapisti potrà lavorare insieme senza doversi spostare da un padiglione all'altro"

martedì 30 ottobre 2018 16:24

di Filippo Ciapini

Mediagallery

È stato inaugurato, nella mattinata del 30 ottobre, il nuovo reparto di Riabilitazione situato al quinto padiglione (foto Lanari). “Questa apertura fa parte dei progetti di miglioramento del nostro ospedale – ha sottolineato Maria Teresa De Lauretis, direttore generale Azienda USL Toscana Nord Ovest – Adesso un’equipe di trenta fisioterapisti potrà lavorare insieme senza doversi spostare da un padiglione all’altro”. Sì perchè, precedentemente, la Riabilitazione era divisa tra il Terzo ed il Settimo.

“Con questa nuova struttura saremo in grado di ospitare circa 100 persone al giorno, 2000 al mese” ha aggiunto Luca Carneglia, direttore presidio ospedaliero Livorno. Nella stessa giornata è stato anche annunciato l’ampliamento del reparto di Rianimazione al 15esimo padiglione che, visti gli standard inferiori alla media nazionale, è passato dall’avere quattordici posti letto a diciotto per una migliore gestione dei ricoveri.

“La nuova collocazione al secondo piano del quinto padiglione – ammette Cristina Laddaga, direttore Riabilitazione Area Sud USL Toscana nord ovest – ci ha permesso di riunire finalmente il servizio agevolando i nostri pazienti che sono circa 500 ogni settimana, ma anche gli operatori che ci lavorano: 36 tra fisioterapisti e logopedisti, 7 addetti all’assistenza come infermieri e Oss e 3 fisioterapisti. Livorno aveva bisogno di questo reparto e di riappropriarsi di un servizio e di un percorso che potesse dare unità e dignità a una disciplina sanitaria importante come quella della riabilitazione”. “Nel 1968 a Livorno – ricorda Paolo Roncucci, direttore Area Critica USL Toscana nord ovest – fu aperta dal dottor Enrico Fontana la prima rianimazione in Toscana. Seguendo il solco di questa lunga e onorata tradizione siamo contenti di festeggiare questo investimento che porta l’offerta da 14 a 18 posti letto tra postazioni di intensiva e sub intensiva e di poterlo fare con i miei predecessori ovvero i dottori Giuseppe Logi, Paolo Pacini e Francesco Genovesi che hanno contribuito in maniera importante al raggiungimento di questo traguardo. Nella sanità moderna la cosiddetta Area Critica è inevitabilmente molto impegnata e oggi il reparto, con 650 ricoveri all’anno di cui circa 350 post chirurgici, si presenta come uno dei punti di forza dell’ospedale livornese”.

Riproduzione riservata ©

4 commenti

 
  1. # Giova 67

    Bene…molto bene…fa piacere ed è rassicurante sapere che vengono investite risorse e personale al servizio del cittadino-paziente…nel nostro-caro bello Ospedale storico…..

  2. # Benjo

    Finalmente una buona notizia! tanti tantissimi complimenti a questi nostri “angeli “!la figura del fisioterapista a volte è un po’ sottovalutata, invece sono fondamentali ,perché oltre alla professionalità ci mettono anche il cuore!👏👏❤

  3. # roberto baldeschi

    HO POTUTO CONSTATARE PERSONALMENTE LA PROFESSIONALITA’ E LA DISPONIBILITA’ DI TUTTO IL PERSONALE DEL REPARTO. DAL PRONTO SOCCORSO MI AVEVANO DATO COME SPACCIATO MA UNA DOTTORESSA NON SI ARRESE E MI PORTO’ AL REPARTO DI RIANIMAZIONE CHE NONOSTANTE LA DIFFICOLTA’ DELLA SITUAZIONE DOPO 56 GIORNI SONO STATO DIMESSO SENZA RIPORTARE NESSUNA CONSEGUENZA-
    EVIDENTE TRASCORSI DUE ANNI LA MIA SALUTE E’ DA SETTANTASETTENNE. COLGO L’OCCASIONE PER RICORDARE IL DOTT. SCOMPARSO DA POCO ANCHE LUI MI E’ STATO VICINO NEI MOMENTI PIU’ DIFFICILI. SALUTO TUTTI DEL REPARTO CON COMMOZIONE E RINGRAZIAMENTI.

  4. # Dilvo

    Ottima partenza…ora ovviamente deve consolidarsi ed eventualmente nel tempo, se ce ne fosse la necessità , una messa a punto.. quindi un controllo sentendo anche i pazienti e i loro familiari.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Dichiaro di aver letto, ai sensi dell'art. 13 D.Lgs 196/2003 e degli art. 13 e 14 del Regolamento (UE) 2016/679, l'Informativa sulla Privacy e di autorizzare il trattamento dei miei dati personali.
Il commento e il nick name da lei inseriti potranno essere pubblicati solo previa lettura da parte della redazione. La redazione si riserva il diritto di non pubblicare o pubblicare moderandolo sia il commento che il nick name. Se acconsente prema il bottone qui sotto “commenta l’articolo”.

Passa alla versione desktop Torna alla versione responsive