Cerca nel quotidiano:


Marito e moglie ricoverati per covid. “Un grazie di cuore agli angeli bianchi del reparto”

A distanza di un po' di tempo la coppia racconta a QuiLivorno.it quanto accaduto: una volta a casa dopo giorni di ricovero, 10 tamponi lei e 9 tamponi lui prima di tornare negativi

Lunedì 28 Dicembre 2020 — 11:00

Mediagallery

"Io ho perso molti chili e mia moglie è dimagrita. Abbiamo avuto bisogno entrambi dell'ossigeno. Chi dice non esiste si sbaglia: il covid è un mostro silenzioso. State attenti"

Il peggio è alle spalle per Paolo, 63 anni, e Donatella, 57. La coppia livornese ad inizio settembre è risultata positiva al covid e a distanza di un po’ di tempo ha deciso di raccontare quanto accaduto (foto tampone d’archivio). “Una bruttissima esperienza che tuttavia, come ci siamo detti, siamo fortunati nel poterla raccontare. Un grazie di cuore agli angeli bianchi del reparto. Vedevamo solo i loro occhi e ci dispiace tanto non sapere chi sono. Li ringrazieremmo tutti quanti, uno ad uno: si sono presi cura di noi dimostrando una umanità incredibile”.
Tutto è iniziato quando a seguito di un incidente stradale Paolo e Donatella vengono trasportati in ospedale per accertamenti. “Sono asmatica e qualche sintomo riconducibile al covid lo attribuì subito all’asma e invece avevo preso il covid”. Proprio i sintomi con i quali Donatella si presenta al pronto soccorso spingono quello stesso giorno medici e infermieri a far fare alla donna il tampone. Risultato: tampone positivo. Trasferita nel reparto covid, Donatella telefona subito al marito che nel frattempo era stato dimesso. “Gli dissi: Paolo domani vai a fare subito il tampone”. Il risultato anche per Paolo è stato tampone positivo. Alla sera febbre a 39,8 e così neanche 24 ore dopo anche Paolo si è ritrovato in ospedale, trasportato da una ambulanza, e stavolta anche lui nel reparto covid. Sono stati giorni lunghissimi quelli trascorsi in una stanza al primo piano del secondo padiglione: 15 giorni ricoverato Paolo e 11 giorni ricoverata Donatella. “Io ho perso molti chili – racconta Paolo – e mia moglie è dimagrita. Abbiamo avuto bisogno entrambi dell’ossigeno e io ho avuto addirittura una polmonite bilaterale anche se per fortuna non siamo mai andati in terapia intensiva”. Una volta a casa, prima di poter uscire, per Paolo sono stati necessari 9 tamponi (di cui gli ultimi 2 negativi) e per Donatella 10 (di cui gli ultimi 2 negativi). “A coloro che dicono non esiste, oppure non fa niente, diciamo che si sbagliano di grosso: il covid è un mostro silenzioso. State attenti”.

Riproduzione riservata ©