Cerca nel quotidiano:


Neurochirurgia? La nostra è il top in Italia e non solo

Anche dall’altra parte dell’oceano non è passata inosservata la qualità del lavoro assicurata dal team livornese.

giovedì 01 Dicembre 2016 18:13

Mediagallery

Un doppio riconoscimento internazionale, uno proveniente dalla Germania e l’altro dal Sudamerica, è stato conferito nei giorni scorsi alla Neurochirurgia di Livorno diretta da Orazio Santonocito.
Il reparto è stato confermato anche per il 2016 centro di riferimento nazionale per la chirurgia vertebrale dalla Ulrich Spine, azienda tedesca leader internazionale nella produzione di mezzi di sintesi vertebrale. A consegnare tale riconoscimento nelle mani del primario (vedi foto) e alla presenza del direttore generale dell’Azienda Usl Toscana nord ovest Maria Teresa De Lauretis, è stato il dirigente Bernhard Schneiderhan in rappresentanza della Ulrich.
La Neurochirurgia di Livorno si conferma quindi centro di eccellenza e di riferimento nazionale, non solo per la chiara fama nel trattamento delle patologie complesse vascolari e tumorali dell’encefalo e della base cranica, ma anche per il trattamento chirurgico della patologia degenerativa e traumatica della colonna vertebrale. “Si tratta di un importante riconoscimento – spiega Santonocito – che premia la qualità del lavoro prodotto e l’impegno profuso da tutti i medici dell’Unità Operativa”.

Anche dall’altra parte dell’oceano non è passata inosservata la qualità del lavoro assicurata dal team livornese. Il reparto di Neurochirurgia è stato visitato da cinque medici sudamericani, specialisti di chirurgia vertebrale, venuti da Argentina, Brasile e Messico per osservare e apprendere la tecnica di esecuzione di alcuni particolari interventi di chirurgia vertebrale e discutere il management ottimale nella gestione di casi complessi. I colleghi sudamericani hanno espresso il loro apprezzamento e la loro ammirazione per l’organizzazione del reparto e per la qualità delle cure, tanto da richiedere per i loro colleghi più giovani la possibilità di poter frequentare la Neurochirurgia di Livorno per uno stage formativo della durata di un mese.

Il direttore generale dell’Azienda Usl Toscana nord ovest Maria Teresa De Lauretis nel ringraziare Ulrich per l’importante riconoscimento assegnato a Livorno, ha elogiato il lavoro svolto dall’equipe neurochirurgica livornese incoraggiandoli a proseguire sulla strada intrapresa. La giornata si è poi conclusa con la consegna degli attestati di frequenza agli ospiti stranieri.

 

Riproduzione riservata ©

15 commenti

 
  1. # Alpassa

    Devo molto a questo reparto, a queste eccellenti persone, al primario in particolare ed a tutto il personale in servizio. Non avevo dubbi sulle capacità di questa equipe e mi fa piacere che gli siano riconosciuti i meriti a livello internazionale.

  2. # Dany

    Grazie infinite , non vi ho mai ringraziato abbastanza ! Colgo ora questa occasione ! Grazie al dottor Santonocito che mi ha operata in urgenza , e al Dottor Capozza , bravi davvero.

  3. # Sandra

    Un’anno fa ho fatto la protesi alla cervicale mi sono affidata a loro ottimo staff ringrazio tutti specialmente il dottore Capozza

  4. # Massimo De Santi

    Mi congratulo con tutto il reparto per i meritati riconoscimenti. Ho sperimentato personalmente per ben 3 volte la professionalità e l’umanità di un eccellenza medica non solo italiana ma mondiale. Grazie personalmente per quello che fate tutti i giorni

  5. # Stefano Antonini

    Peccato che quando si fanno notare cose lodevoli del nostro ospedale ci siano pochi commenti positivi , invece quando ci sono dei problemi i commenti negativi fioccano . Vorrei ringraziare questi professionisti della neurochirurgia e della neurologia Labronica per il loro immenso lavoro che svolgono tutti i giorni . Ovviamente ringrazio anche tutti i medici delle altre specializzazioni mediche

  6. # stefano

    Bravi!!!!!!!

  7. # Liburnico

    Finalmente un po’ di gloria al nostro ospedale! Bravissimi!!!

  8. # Angela

    Grazie al Dott. Santonocito e ha tutti i medici e allo staf del reparto. Bravi preparati e soprattutto umani e professionali. Il mio intervento è riuscito benissimo e sono tornata alla mia vita normale.

  9. # Old Pine

    Condivido completamente i due ‘Stefani’.
    In una città come la nostra poter contare, nel momento che conta, su professionisti di qualità ed umanità, come traspare dai commenti di chi li ha conosciuti all’opera è davvero confortante!
    Il gravoso lavoro che la passione medica ha condotto per anni in un lunghissimo periodo di studio che non termina con l’università per proseguire nella specializzazione, alle sale operatorie ed in genere nei luoghi di cure d’emergenza è troppo spesso dato per scontato finché si è in salute e non se ne ha bisogno.
    Gli aggiornamenti e lo studio costante, quotidiano, non è richiesto ad altre figure professionali anche apicali, mentre ai buoni medici sì.
    Se confrontati con altri settori ritenuti fondamentali alla società, sono anche mal corrisposti economicamente.
    Quando ti ammali e in un attimo la TUA vita e dei tuoi cari può trasformarsi in una catastrofe quotidiana, se mancassero professionalità di ottimo livello saresti veramente nei guai.
    Il nostro ospedale, a partire dalla sua geniale progettazione, che consente di restare al riparo da sole, acqua e vento in tutto il suo percorso, senza la necessità di ascensori che vanno su al quindicesimo piano perennemente guasti per mancanza di manutenzione, con reparti che tutti sappiamo subito se ‘funzionano bene oppure no’ perché Livorno è una piccola città e rapide si spandono le notizie su quanto vi accade.
    Per certo il fiore all’occhiello sono sempre gli uomini e donne che ci lavorano dentro. In un periodo in cui sembra che tutte le migliori conquiste sociali sono messe in discussione, teniamoci ben stretti i buoni medici, infermieri, reparti, associazioni di volontariato che ‘ci sono’ quando il nostro bisogno diventa vitale.
    Auguri signori medici e grazie per esserci quando tutto potrebbe essere perduto.

  10. # vittoria

    Davvero complimenti.Bravissimi

  11. # silvio

    Non mi dovrei esprimere perché indirettamente parte in causa, ma condivido pienamente i commenti positivi di chi mi ha preceduto e sono orgoglioso che questo reparto esista nella nostra città

  12. # Michela

    Mai madre ed io ci affidiamo alla neurochirurgia dal 2010 perché purtroppo ha una colonna di tipo degenerativo.. le prime due esperienze le abbiamo vissute con il Dott Serino… Medico straordinario che oltre alle grandi competenze ha sempre avuto una spiccata empatia con i suoi pazienti il ché è molto rassicurante per chi deve subire tali interventi … le altre esperienze le abbiamo condivise con il Dott Capozza, che ringrazio infinitamente per gli interventi fatti a mia madre e che sembrano aver stabilizzato definitivamente il problema. Quindi mi sento anch’io di elogiare la nostra neurochirurgia di Livorno che viene rappresentata da Medici competenti come il Dott Capozza oggi è dal Dott Serino nel passato.

  13. # caponi ugo

    e noi livornesi si va a pisa , ma chi ci informa? Qui fa tutto schifo, boh?

  14. # Daniela

    Il Dottor capozza , lo ringrazio con il ❤️ Competente e professionale! Gentile e simpatico il che non guasta.?

  15. # Agostino Toci

    Un grande abbraccio a Matteo Capozza che mi ha rimesso in piedi e raddrizzato ed a tutto il suo staff !!!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Dichiaro di aver letto, ai sensi dell'art. 13 D.Lgs 196/2003 e degli art. 13 e 14 del Regolamento (UE) 2016/679, l'Informativa sulla Privacy e di autorizzare il trattamento dei miei dati personali.
Il commento e il nick name da lei inseriti potranno essere pubblicati solo previa lettura da parte della redazione. La redazione si riserva il diritto di non pubblicare o pubblicare moderandolo sia il commento che il nick name. Se acconsente prema il bottone qui sotto “commenta l’articolo”.