Cerca nel quotidiano:


Nuovo ospedale, via al percorso partecipativo in 3 fasi

Manifestando il proprio interesse i cittadini potranno avanzare proposte e partecipare attivamente al progetto del nuovo ospedale

Domenica 26 Luglio 2020 — 07:50

di Chiara Montesano

Mediagallery

Salvetti: "Le risorse saranno interamente pubbliche e il progetto digeribile dalla città rispetto a quello della precedente amministrazione"

Il nuovo ospedale di Livorno sarà presto una realtà e ci sarà la possibilità da parte dei cittadini di partecipare attivamente nel processo di ideazione. Venerdì 24 il sindaco Luca Salvetti, la vicesindaca Libera CamiciDaniele Mirani e Massimiliano Faraoni della Simurg Ricerche, hanno presentato alla stampa il percorso partecipativo sullo studio preliminare di fattibilità per il presidio ospedaliero di Livorno.

Grazie a questo percorso, che come sottolinea il sindaco non è richiesto dalla legge ma deciso dall’amministrazione, sarà possibile raccogliere le istanze dei cittadini che potranno conoscere il progetto nei vari aspetti e sapere cosa comporterà a livello di mobilità, qualità ambientale e qualità degli interventi. Per poter prendere parte a questo progetto basta manifestare il proprio interesse iscrivendosi su questa pagina.

Daniele Mirani della Simurg Ricerche, società selezionata per organizzare il percorso partecipativo, dichiara: “I cittadini dovranno investire il proprio tempo in questo percorso, ma si avrà un progetto migliore e che funziona. Ci aspettiamo anche posizioni critiche ma che vengano seguite da delle proposte“.

Il percorso partecipativo prevede 3 fasi operative: la prima andrà da luglio ad agosto e prevede una call ai cittadini, il lancio della pagina web e un questionario. Nella seconda, da settembre a ottobre, si avrà un focus group con degli esperti, che sarà a porte chiuse, e due laboratori in cui i cittadini saranno chiamati a lavorare insieme. La terza fase va invece da novembre a dicembre e prevede altri due laboratori che si focalizzeranno sui punti critici per poi arrivare a fare nuove proposte. Alla fine di ogni incontro verranno caricati sul sito dei report pubblici che saranno poi raccolti e trasferiti all’Asl che si occuperà di studiare il progetto di fattibilità. Vista la situazione di emergenza sono già state studiate delle modalità per permettere ai cittadini di incontrarsi e discutere in tutta sicurezza.

Riproduzione riservata ©