Cerca nel quotidiano:


Rianimazione, donati tablet in memoria del collega Tony Costagli

Il primario Roncucci: "Sappiamo quanto questi tablet possano aiutare le persone che, come successo a Tony, devono stare molti giorni in reparto"

Mercoledì 17 Novembre 2021 — 16:06

Mediagallery

Tre tablet sono stati donati il 17 novembre alla Rianimazione dell’ospedale di Livorno in memoria del collega “TonyValerio Costagli, tecnico informatico deceduto nei mesi scorsi dopo aver scoperto la sua positività al Covid19, che aveva lavorato per molti anni a Piombino per l’Azienda sanitaria locale prima di confluire all’Estar (Ente di supporto tecnico-amministrativo regionale). “Abbiamo voluto mantenere l’impegno – spiegano il fratello Silvio e il figlio Tommaso Costagli – che lui stesso si era preso durante la sua degenza in reparto. L’utilizzo dei tablet gli aveva permesso di riprendersi dal punto di vista psicologico dopo un lungo periodo di isolamento forzato. Per questo si era ripromesso, una volta uscito, di donare altri dispositivi al reparto riconoscendo la loro importanza per i pazienti in rianimazione Covid. Ci piace pensare di aver esaudito questo suo ultimo pensiero rivolto ad un reparto che è stato eccezionale sotto ogni aspetto. Speriamo possano aiutare altri pazienti ad affrontare le difficoltà del ricovero”. “Ricordiamo caramente Tony – dice Paolo Roncucci, primario del reparto di Rianimazione di Livorno e direttore dell’Area Critica dell’Azienda USL Toscana nord ovest –  come collega e come paziente. Abbiamo vissuto il suo dramma nel corso della malattia che l’ha portato più volte da noi. Siamo felici del dono ricevuto perché sappiamo quanto questi tablet possano aiutare le persone che, come successo a Tony, devono stare molti giorni in reparto senza un contatto diretto con i familiari se non con tute e protezioni tali da limitare inevitabilmente la naturalità degli incontri”. Presenti alla cerimonia anche la coordinatrice infermieristica Lorella Neri e in rappresentanza di Estar Barbara Salvadorini, Annamaria Degrazia e Giuseppe Di Palma.

Riproduzione riservata ©