Cerca nel quotidiano:


Sanità, proclamato sciopero il 1° maggio

domenica 30 Aprile 2017 07:00

Mediagallery

L’Unione Sindacale Italiana (USI-AIT) ha proclamato uno sciopero generale di tutte le categorie pubbliche e private per l’intera giornata o turno di lavoro di lunedì 1° maggio 2017.
L’Azienda si scusa anticipatamente con i propri utenti per eventuali disagi nell’erogazione dei servizi che si dovessero manifestare a livello sia territoriale che ospedaliero.
Come previsto dalla normativa vigente, saranno comunque garantiti tutti i servizi minimi essenziali previsti per il settore della Sanità e, per quanto riguarda le attività connesse all’assistenza diretta ai degenti, sarà data priorità alle emergenze e alla cura dei malati più gravi e non dimissibili.

A tal proposito ricordiamo che i “servizi minimi essenziali” comprendono:

– il Pronto Soccorso e servizi afferenti legati a problematiche non-differibili della salute dei cittadini ricoverati (turni dei reparti) e non. Di conseguenza anche il personale tecnico per la preparazione dei pasti e degli altri servizi di base;

– servizi di assistenza domiciliare;

– attività di prevenzione urgente (alimenti, bevande, etc..);

– vigilanza veterinaria;

– attività di protezione civile;

– attività connesse funzionalità centrali termoidrauliche e impianti tecnologici;

vari.

Riproduzione riservata ©

3 commenti

 
  1. # ema

    Il prossimo sciopero ferragosto,poi natale e santo Stefano!!!

  2. # AnToNIO

    Ahahahhahahah! Ma guarda un po’…ogni volta questa storia.
    Gli scioperi non si fanno a cavallo delle festività per allungare il ponte

  3. # vasco

    Uno sciopero inutile che non può fare nessuno. Il primo maggio è chiaramente festivo e durante gli scioperi devono essere garantiti i servizi minimi essenziali che sono quelli garantiti proprio nei giorni festivi. In pratica nessun lavoratore può far sciopero. Nonostante il principio giusto della lotta di classe con queste modalità ci si perde in un bicchiere d’acqua. Sono quindi tutti proclami senza seguito, ormai siamo allo sbando e lo sciopero non lo fa più nessuno

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Dichiaro di aver letto, ai sensi dell'art. 13 D.Lgs 196/2003 e degli art. 13 e 14 del Regolamento (UE) 2016/679, l'Informativa sulla Privacy e di autorizzare il trattamento dei miei dati personali.
Il commento e il nick name da lei inseriti potranno essere pubblicati solo previa lettura da parte della redazione. La redazione si riserva il diritto di non pubblicare o pubblicare moderandolo sia il commento che il nick name. Se acconsente prema il bottone qui sotto “commenta l’articolo”.