Cerca nel quotidiano:


Strutture sanitarie, obbligo di green Pass per visitatori e accompagnatori

Si tratta di una misura che applica le disposizioni nazionali. Inoltre per la visita ai ricoverati il familiare deve essere autorizzato dal direttore o coordinatore della struttura

Venerdì 20 Agosto 2021 — 15:59

Mediagallery

Per poter accedere alle strutture sanitarie dell’Azienda USL Toscana nord ovest visitatori e accompagnatori dovranno necessariamente mostrare la certificazione verde (Green Pass) per il Covid-19. Il personale addetto alle postazioni di pre-triage di pronto soccorso e al check-point posizionato all’ingresso delle strutture sarà quindi tenuto a verificare che ciascun visitatore o accompagnatore sia in possesso della Certificazione verde Covid‐19, ad integrazione dei controlli già in essere come quello della temperatura, dell’igiene delle mani e del motivo dell’accesso. Si tratta di una misura che applica le disposizioni nazionali in tema di limitazione della diffusione del contagio da coronavirus a tutela della salute collettiva e in particolare dei malati e dei luoghi sensibili come le strutture sanitarie. Ricordiamo che il rilascio della certificazione verde avviene alle seguenti condizioni:
– dopo la somministrazione della prima dose di vaccino (validità dal 15° giorno e per 9 mesi dal completamento del ciclo vaccinale)
– dopo la guarigione dall’infezione da Covid19 (validità 6 mesi)
– dopo l’effettuazione di un test molecolare o antigenico rapido con risultato negativo (validità 48 ore)

VISITA AI RICOVERATI. Per la visita ai ricoverati il familiare deve essere autorizzato dal direttore o coordinatore della struttura. Ogni paziente ricoverato può ricevere un solo visitatore per ciascun turno di visita durante le consuete fasce orarie di accesso (indicativamente 12.30-13.30 e 18.30-19.30), con accesso di un solo visitatore alla volta per stanza di degenza per non più di 15 minuti secondo le indicazioni della struttura.

Riproduzione riservata ©