Cerca nel quotidiano:

Condividi:

Taglio del nastro per la prima Casa di Comunità

Lunedì 2 Gennaio 2023 — 21:45

Inaugurata alla presenza del governatore Giani la struttura, completamente rinnovata, di via del Mare. Ecco cosa troveranno i livornesi all'interno dei due piani. Casani: "Questo è l’inizio di un percorso che ci porterà a realizzare sul territorio livornese cinque Case di Comunità"

La Casa della Salute “Livorno Sud” in via del Mare torna, finalmente, a disposizione dei livornesi. Si tratta della prima Casa di Comunità ed è stata inaugurata, ed è entrata in funzione, il 2 gennaio 2023 dopo oltre 4 anni (luglio 2018) tra lavori e pandemia. “Un percorso complesso arrivato finalmente al termine – spiega la direttrice dell’Usl Toscana Nord Ovest Maria Letizia Casani – che ha portato ad una struttura completamente rinnovata. I cittadini hanno avuto tanta pazienza. Questo è l’inizio di un percorso che ci porterà a realizzare sul territorio livornese cinque Case di Comunità grazie ai finanziamenti del Pnrr”. La struttura, all’avanguardia dal punto di vista della sostenibilità, si estende su una superficie di 750 metri quadri disposta su due piani così suddivisi: al piano terra gli sportelli dedicati a prenotazione Cup, accettazione e anagrafe assistiti, due box per i prelievi del sangue e un consultorio dotato di tre ambulatori: ostetricia, ginecologia e psicosociologia. Al primo piano otto ambulatori destinati a medici di base, specialistici, infermieri di famiglia e comunità, volontariato, Punto insieme e Punto Unico di Accesso. “Ho iniziato il mio percorso con zero Case della Salute – dice il sindaco Luca Salvetti – ora ce n’è una, ed entro la fine del 2024, spero una seconda. Un segnale chiaro che la salute dei cittadini ci sta a cuore”. Presente, per l’occasione, anche il presidente della Regione Toscana Eugenio Giani. “Nei miei primi giorni da presidente – racconta – sono stato subito sensibilizzato subito su questo argomento. Le case della salute nascono nel momento in cui viene fuori l’idea di dar vita a presidi che concentrino varie attività e anticipino il ricorso all’unico riferimento possibile, l’ospedale. Dei risultati ottenuti ringrazio il sindaco Salvetti, la direttrice Casani e tutta la sua squadra che so aver lavorato senza sosta per il raggiungimento di questo risultato”. La parola passa poi al consigliere regionale Francesco Gazzetti per un ringraziamento speciale. “Se oggi siamo qui – dice – è anche e soprattutto merito di Franco e Federico, due cittadini della zona che, quotidianamente e per anni ci hanno accompagnato in questo percorso, configurandosi come un pungolo reale che ci spingesse ad andare avanti. Senza di loro, e naturalmente senza tutto il mondo della sanità e delle istituzioni, non avremmo potuto realizzare tutto questo”. Da parte della Direzione sanitaria sono poi arrivati i ringraziamenti a tutti gli operatori che hanno lavorato alacremente all’apertura della struttura, alla Tecno Service di Lucca che ha fatto un ottimo lavoro in tempi rapidi, al progettista ing. Gianni Stolzuoli, all’ufficio tecnico aziendale e ai diversi enti (Vigili del Fuoco, Comune, Sovrintendenza, Genio Civile, ecc.) che hanno collaborato in modo costruttivo per la risoluzione delle problematiche emerse, ai medici di famiglia anello di congiunzione del sistema, al Comune di Livorno, e in particolare al sindaco Luca Salvetti e alla Regione Toscana rappresentata dal presidente Giani e dal consigliere Francesco Gazzetti.

Condividi:

Riproduzione riservata ©