Cerca nel quotidiano:


Santa Trinita sarà sistemato. Progetto

Previste misure per ridurre la velocità del traffico e opere stradali con la risagomatura della carreggiata

Sabato 5 Novembre 2016 — 14:40

Mediagallery

Mentre il Comune ha annunciato la sistemazione del ponte è del 5 novembre, intorno all’ora di pranzo, la notizia di un incidente sul ponte. Due veicoli, marcianti in direzioni opposte, sono entrati in contatto in curva (foto Lanari). Nessuno è rimasto ferito per fortuna. Inevitabilmente, però, complice la pioggia, il sinistro ha causato notevoli disagi alla circolazione. Da segnalare anche i semafori ko in piazza San Marco e via della Cinta Esterna.

Santa Trinita – L’Amministrazione comunale dà il via al progetto definitivo per la messa in sicurezza del ponte Santa Trinita, sede di ripetuti incidenti stradali specie in corrispondenza della curva sulla rampa nord (clicca sul link in fondo all’articolo per vedere nel dettaglio il progetto).
La Giunta Municipale ha infatti approvato nella sua ultima seduta gli interventi che saranno adottati per ridurre le velocità di percorrenza e per migliorare le condizioni geometriche e fisiche della carreggiata stradale nel tratto di curva interessato.

“ E’ necessario e urgente intervenire sulla sicurezza del ponte, da troppo tempo sede di sbandamenti ed incidenti con dinamiche molto simili – sostiene l’assessore ai lavori pubblici Alessandro Aurigi. “ Vuoi per la velocità degli autisti, vuoi per le condizioni dell’asfalto, il ponte necessita quanto prima di provvedimenti di moderazione del traffico e di opere stradali che nel complesso rendano più sicuro l’attraversamento di questa struttura”.
Da qui la delibera adottata dalla Giunta che vara il progetto definitivo dei lavori per l’importo complessivo di 61.000 euro.

IN QUESTA FOTO DI PAOLO MURA SI VEDE COME LE RINGHIERE VENGANO ASSICURATE CON UNA CORDA

IN QUESTA FOTO DI PAOLO MURA SI VEDE COME LE RINGHIERE VENGANO ASSICURATE CON UNA CORDA

La soluzione proposta manterrà inalterate le larghezze delle corsie e dei marciapiedi del ponte, senza pertanto l’installazione di guard-rail o new-jersey, ma saranno attuati, come detto, sia provvedimenti di moderazione del traffico finalizzati ad aumentare il livello di attenzione e a indurre i veicoli a rallentare prima di immettersi nella rampa del ponte, sia opere stradali di adeguamento della pavimentazione per renderla più sicura specie in caso di pioggia.

Il progetto definitivo – I provvedimenti di moderazione della velocità del traffico consisteranno prevalentemente in opere di segnaletica orizzontale e verticale.
A tale scopo sarà introdotta una deviazione dell’asse planimetrico di via della Cinta Esterna prima dell’immissione sulla rampa nord dalla via stessa. E’ prevista la riduzione delle corsie dalle due attuali ad una unica nel tratto che va dal distributore carburante alla rampa nord eseguita con segnaletica orizzontale (e con il posizionamento di un nuovo guardrail per aumentare le dimensioni dello spartitraffico attuale dal lato distributore, oltre ad una nuova isola spartitraffico dal lato del ponte). Prevista inoltre la realizzazione di un nuovo attraversamento pedonale completo di pali di illuminazione a led nel tratto compreso tra lo spartitraffico esistente e quello nuovo. Sarà PONTE SANTA TRINITAinstallato un pannello a led misuratore della velocità e bande di rallentamento ottiche e acustiche in carreggiata su entrambe le corsie di marcia. Infine è prevista la relativa segnaletica verticale di preavviso per il restringimento della carreggiata, di limite di velocità e di attraversamento pedonale.

Le opere stradali prevedono innanzitutto la risagomatura della carreggiata stradale della curva in rampa nord. In pratica sarà data una nuova pendenza trasversale previa fresatura di una fascia della pavimentazione e successiva stesa di un nuovo strato in conglomerato bituminoso. Di conseguenza la delimitazione del marciapiede esterno della curva nord sarà evidenziato da un nuovo cordolo, saranno rialzate e ripristinate le caditoie esistenti, realizzata una penisola pedonale in corrispondenza del nuovo attraversamento pedonale. Sono inoltre previste alcune piccole opere impiantistiche per la riparazione dei segnali luminosi esistenti e fuori uso.

Riproduzione riservata ©

Cerchi visibilità? Contattaci: 1,1 milioni di pagine viste al mese e oltre 54.800 iscritti a Fb

Nuova apertura? Cambio sede? Lancio prodotto? Visibilità di 1,1 milioni di pagine viste al mese e oltre 54.800 iscritti a Fb. Per preventivo https://www.quilivorno.it/richiesta-preventivo-banner/ oppure [email protected]


21 commenti

 
  1. # Di male in peggio

    Bravi continuate a restringere e a togliere corsie che tra l’altro portano in due direzioni completamente diverse. Così quelli che vanno a dritto e quelli che devono girare a destra si troveranno nella stessa fila. Complimenti. Meno male avete anche studiato!

    1. # s calvani

      guarda il progetto prima di parlare…apri l’allegato, leggilo, capiscilo e poi parla
      ing S. Calvani

      1. # Marco

        Perché non è forse vero che dal distributore fino all’imbocco del ponte le corsie dalle due attuali diventeranno una? C’è scritto anche nell’articolo, caro il mio Ing S Calvani.

        1. # leo

          e cosa serve la seconda corsia verso il varco se quel tratto di strada viene usato da pochissime auto.
          poi se il restringimento riduce l’incidente . ben venga

      2. # Perplesso sempre di più !!

        Ing. ?????

  2. # PaoloMURA

    Sopra il Ponte si mette in sicurezza, sotto il Ponte ripulito “Hotel Degrado” le palme moribonde segnalate…. wow sto rimanendo disoccupato…… Distinti Saluti PaoloMURA

  3. # Sigarin

    Quando mettete mano alla viabilità, visti i precedenti, c’è da sentissi morì

    1. # cosimin

      Ormai era una decina di anni che tutti se ne sono strafregati della situazione del Ponte S. Trinità ed ora i Grillini ci mettono mano provando a risolvere la situazione ! Ma come si permettono ?

  4. # Peterpan

    Sono bravi sì furbone! Ma lo sai quanta gente si è fatta male?

  5. # antonio

    semplice basta mettere il limite velocità a 30 io lo metterei a 10 così anche le bici andranno portate a mano complimenti

    1. # leo

      il limite di 30 c’è anche ora

  6. # jack

    Sotto il ponte invece hanno levato la spazzatura con soldi pubblici e non hanno posto protezioni come chiesto.
    quindi in poche parole hanno pulito casa a chi vi abita!!!!
    Ahhhh e nella stanza sotto che una vigilessa a detto essere passata dalla autorità portuale al comune serve tre 4/5 mesi per autorizzazione di sgombero!!!!!!povera italia

  7. # Pirulo

    I rallentatori acustici dopo un po’ si consumano, il cartello di segnalazione della velocità ma chi lo guarda… Una soluzione veramente efficace che ho visto purtroppo soltanto all’estero è quella di creare delle isole spartitraffico opportunamente sagomate “a goccia”, che fisicamente creano una specie di chicane e che non è possibile percorrere a velocità maggiore di 30-40 km/h.. se vai più forte voli sull’aiuola, per cui sei costretto a rallentare e dopo ti inserisci nel tratto pericoloso alla velocità corretta. Quelli presentati sono solo deterrenti sulla carta che per le abitudini dei livornesi avranno bel poca efficacia!

  8. # Sicurezza

    PROGRAMMA DELLA MESSA IN SICUREZZA:
    1) ritiro perpetuo della patente agli incapaci
    2) demolizione del ponte

  9. # Klaus

    E credete che i cosiddetti dissuasori facciano rallentare gli ubriachi e i drogati ?
    Occorre un guard-rail almeno nel tratto dove di solito vanno a sbattere,questo per proteggere i pedoni.

  10. # pepe

    ci vuole l’asfalto nuovo tipo quello sulla variante che assorbe l’acqua è inutile fare rallentatori l’asfalto usato è fatto con la saponata quando piove scivoli anche a piedi o duri !

  11. # giacomo

    Quindi una sola coda tra chi viaggia in città e chi deve entrare alla stazione marittima… con lo scopo dichiarato di incentivare l’uso della bicicletta per sfinimento

  12. # Andrea

    Siamo già in campagna elettorale? IL M5S ha bisogno di voti?

    1. # elit

      se continua con tutte le decisioni impopolari e coraggiose (parole di Nogarin) che sono state prese fino ad ora il M5s andrà poco lontano alle prossime elezioni. Intanto sarebbe bene che il ponte venisse riparato alla svelta e’ un orrore e pericoloso con quelle transenne annose. Poi facciano il resto. Comunque vista la lentezza delle opere pubbliche (vedi rotatorie varie) (peggio dell’era Cosimi) penso che non se ne farà di niente fino alle prossime elezioni.

  13. # Polpetta

    No che io sia Niki Lauda ma il ponte lo faccio anche piu’ volte il giorno e tutte le volte mi domando come possano succedere tanti incidenti boh………

  14. # Dilvo

    Allora il problema maggiore non è la viabilità ma gli automobilisti che vanno troppo forte.
    ‘Se partisse prima potrebbero andare più piano”