Cerca nel quotidiano:


Andrea sale sul podio nella sfida tra i dottorandi italiani

E' stato Andrea Ria, nostro concittadino ventottenne, ad aggiudicarsi il secondo posto della prestigiosa sfida che mette a confronto le migliori "ricerche" del nostro Paese

martedì 27 novembre 2018 11:57

di Giulia Bellaveglia

Mediagallery

Tutto livornese il secondo posto della “2018 Huawei Italy University Challenge”, sfida alla quale sono stati a chiamati a partecipare i dottorandi di tutta Italia, sottoponendo ad una giuria internazionale, formata da esperti del settore, i propri lavori di ricerca.
Ad aggiudicarsi il prestigioso premio di una delle aziende leader nel settore delle telecomunicazioni è stato il nostro concittadino ventottenne Andrea Ria, dottorando al secondo anno del dipartimento di Ingegneria dell’Informazione dell’Università di Pisa e apprendista dell’azienda Sensichips Srl.
“Il progetto di ricerca che ho ideato riguarda dei circuiti microelettronici integrati – spiega Ria – Questi ultimi, sono utilissimi per essere utilizzati in interfacce per sensori che saranno presto integrati in dispositivi di uso quotidiano, preservando il più possibile il consumo di batterie“.
Il giovane studioso ha ottenuto come premio per il suo progetto un viaggio di una settimana in Cina, nella città di Shenzhen, per visitare il quartier generale del colosso dell’elettronica Huawei, e in più, un cellulare di ultima generazione della stessa marca.
La premiazione del concorso, che si è tenuta all’Università di Pavia il 22 novembre scorso, ha visto la partecipazione dei dieci finalisti, i quali, hanno discusso i propri lavori davanti alla commissione e successivamente sono stati premiati.
“Il messaggio che voglio trasmettere ai giovani tramite questa vittoria è quello di continuare a studiare e formarsi sempre – afferma con entusiasmo Ria – Anche se inizialmente la strada sembra sempre in salita, credendoci sempre, prima o poi i risultati arrivano”.

Riproduzione riservata ©

3 commenti

 
  1. # Robe

    Complimenti Andrea… Purtroppo i giovani tuoi coetanei sono molto più attratti da carriere effimere e veloci, completamente vuote di valori!!!
    In bocca al lupo per il prosieguo della tua carriera!!!

    1. # livornook

      non tutti, ci sono decine di giovani dottorandi livornesi andati all’estero con posizioni di tutto rispetto

  2. # marco

    bravissimo, immagino l’emozione dei genitori, queste si che sono soddifazioni uniche! Bravissimo! Invidiabile!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Dichiaro di aver letto, ai sensi dell'art. 13 D.Lgs 196/2003 e degli art. 13 e 14 del Regolamento (UE) 2016/679, l'Informativa sulla Privacy e di autorizzare il trattamento dei miei dati personali.
Il commento e il nick name da lei inseriti potranno essere pubblicati solo previa lettura da parte della redazione. La redazione si riserva il diritto di non pubblicare o pubblicare moderandolo sia il commento che il nick name. Se acconsente prema il bottone qui sotto “commenta l’articolo”.