Cerca nel quotidiano:


Ctt e scuole. A bordo della legalità con il progetto “Fermata d’autobus”

Il percorso è stato svolto dalle classi a stretto contatto con membri di Itinera e Ctt Nord, che hanno sensibilizzato i giovani e li hanno seguiti fino alla realizzazione degli spot “anti-illegalità”

Giovedì 26 Ottobre 2017 — 17:58

Mediagallery

di Federico Bacci

E’ stato presentato giovedì 25 ottobre nell’aula magna dell’istituto professionale Vespucci-Colombo il risultato del progetto “Fermata d’autobus”, nato dalla collaborazione tra l’associazione Itinera, Ctt Nord e il Comune di Livorno. L’iniziativa – che coinvolge in totale 20 classi di istituti superiori nelle province di Livorno, Pisa, Lucca e Massa-Carrara (le classi di queste ultime due province stanno ancora lavorando alla realizzazione del progetto) – ha visto protagoniste ben 5 classi dell’istituto, che avevano il compito di realizzare un video sul tema della legalità a bordo degli autobus.

“Il tema è molto più serio di quanto sembra – ha dichiarato Andrea Zavanella, presidente di Ctt Nord – e ci sembrava doveroso prendere coscienza, noi in primis, delle problematiche legate all’utilizzo dei mezzi pubblici dal punto di vista giovanile. Il fine principale del progetto è combattere il bullismo, il vandalismo e l’illegalità”.
Il percorso è stato svolto dalle classi a stretto contatto con membri di Itinera e Ctt Nord, che hanno sensibilizzato i giovani e li hanno seguiti fino alla realizzazione degli spot “anti-illegalità”. Durante la manifestazione sono stati proiettati i due video (uno dell’area Livorno e uno dell’area Pisa) ritenuti “migliori” dal punto di vista dell’efficacia e della trasparenza del messaggio.

Far lavorare i giovani in prima persona – ha spiegato Luigina Fabiani, dell’Ufficio Scolastico Regionale Toscano dell’area livornese – è il modo migliore per capire il linguaggio che usano tra di loro. Spesso i messaggi provenienti dagli adulti vengono ignorati; bisogna invece far capire che le regole non sono imposizioni arbitrarie, ma modi per migliorare la convivenza civile”. Le classi si sono dimostrate entusiaste del progetto e hanno risposto con professionalità e talento. Al termine dell’incontro Bruno Bastogi, dirigente di Ctt Nord, ha chiesto in prima persona ai ragazzi di esperienze negative con i mezzi pubblici e consigli per migliorare i servizi.
“Abbiamo ancora tanto da fare per migliorare – ha concluso Bastogi – ma collaborando riusciremo ad ottenere la qualità del servizio che ogni cittadino merita”.

Riproduzione riservata ©