Cerca nel quotidiano:


Enriques, 250 alunni ai “Giochi Logici”

Per il liceo di via della Bassata si tratta di un’ulteriore conferma di un’attenzione sempre più alta nei confronti della didattica

Lunedì 19 Febbraio 2018 — 18:56

Mediagallery

Si è svolta al liceo Enriques di via della Bassata, la selezione provinciale dei “Giochi Logici”. La competizione, di spessore nazionale, ha visto la partecipazione, a livello locale, di circa 250 ragazzi del liceo e delle scuole medie del territorio che per l’occasione sisono cimentati prima in un’attività individuale e successivamente in una gara a squadre (competizioni diversificate a seconda del livello scolastico di appartenenza).

Con la giornata di ieri il liceo Enriques ha visto la realizzazione di una tappa importante del progetto più ampio “Logichiamo!”, iniziato a novembre scorso, con l’individuazione di studenti tutor (23 alunni interni al Liceo, del triennio), e con incontri di formazione tenuti da due insegnantiinterni che hanno preparato i ragazzi-Tutor e curato il materiale che è stato poi utile per allenare gli alunni del biennio e quelli provenienti dalle scuole secondarie di 1° grado del territorio. Successivamente si sono  poi svolti 5 incontri pomeridiani di allenamenti curati direttamente dagli stessi studenti tutor che hanno spiegatole regole dei vari giochi ai loro colleghi più piccoli dimostrando competenza e dedizione non comuni (questa attività si è armonizzata con il Progetto di Alternanza Scuola Lavoro).

Ad ogni allenamento, circa 160 ragazzi, provenienti dall’Istituto Comprensivo “G. Micali”, dalle Scuole Medie “G. Bartolena” e dall’Istituto Comprensivo “Anchise Picchi” di Collesalvetti, sono stati accolti e suddivisi in squadre dagli studenti del Liceo (i  tutor), in 6 aule LIM attrezzate e in due laboratori di informatica. In questo percorso gli studenti più piccoli sono stati aiutati  a districarsi in giochi quali “Grattacieli”, “Campo minato”, “Facile come l’ABC”, e ad individuare le strategie risolutive con creatività ed intuizione. E’ stato molto apprezzato, da quanto emerso dai report dei docenti delle scuole medie che hanno recepito i racconti dei loro ragazzi in classe, il fatto che il ruolo di tutor sia stato svolto da studenti poco più grandi di loro.

Per il Liceo di via della Bassata in realtà si tratta di un’ulteriore conferma di un’attenzione sempre più alta nei confronti della didattica, che sottolinea come  le iniziative ludico-competitive di questo tipo siano in grado di promuovere forte motivazione ed interesse negli adolescenti. E che il processo di apprendimento attraverso la metodologia del peer to peer, ossia che passa attraverso il contatto, la spiegazione e la conduzione d’aula da parte degli studenti più grandi risulti molto efficace e significativo.

La forte adesione al progetto evidenzia inoltre che tali attività  appassionano molti studenti favorendo contemporaneamente lo sviluppo del ragionamento logico come abilità trasversale e dell’individuazione di strategie risolutive di problemi rimanendo all’interno di un sistema di regole ben definito (si parla di ‘matematica ricreativa collaterale’).

Il fatto che lo sviluppo di queste competenze, così importanti in tutti i campi del sapere così come nella vita di ogni giorno, sia promosso attraverso la dimensione ludica e cooperativa, e attraverso una attività di Tutoraggio, costituisce un valore aggiunto alla didattica tradizionale.

I risultati ottenuti dagli alunni in gara saranno poi valutati all’interno di classifiche nazionali e in virtù delle posizioni raggiunte, gli studenti che avranno saputo giocare meglio, potranno partecipare alla finale nazionale che si svolgerà a Modena il 7 aprile prossimo.

 

Riproduzione riservata ©