Cerca nel quotidiano:


Gli studenti dell’Iti sbarcano a Dublino per il soggiorno-studio

Con il soggiorno studio a Dublino è giunto a conclusione il progetto PON 3504 “Me &EU” per il potenziamento della cittadinanza europea, completamente finanziato dalla comunità europea stessa

giovedì 25 Luglio 2019 09:29

Mediagallery

Con il soggiorno studio a Dublino è giunto a conclusione il progetto PON 3504 “Me &EU” per il potenziamento della cittadinanza europea, completamente finanziato dalla comunità europea stessa. Un’esperienza davvero edificante e significativa, che ha visti impegnati 60 ragazzi dell’Itis “G. Galilei” di Livorno, divisi su due differenti azioni: una rivolta al biennio ed una al triennio, in particolare agli alunni delle classi terze e quarte.
Entrambe le attività prevedevano trenta ore di potenziamento delle conoscenze dell’EU (European Union), che sono state svolte da esperti provenienti da enti quali la Camera di Commercio di Livorno (dottoresse Bottosso e Antonini), dal CESUE-Scuola Superiore S. Anna di Pisa (dottoressa Martiny), da realtà locali importanti per il loro coinvolgimento a livello europeo, quali la Comunità di San Benedetto di Livorno (dottor Tanozzi) e da docenti interni con i quali i ragazzi hanno realizzato materiali per l’allestimento dello spazio Europa all’interno dell’Itis “Galilei”.
Dopo questa fase comune, gli alunni del biennio hanno avuto l’opportunità di frequentare 60 ore di approfondimento linguistico in orario extrascolastico, finalizzate al conseguimento della certificazione Cambridge – PET – Livello B1.
Alla preparazione di questo gruppo di studenti ha provveduto un gruppo di docenti con molta esperienza: Cristina Biagiotti, Maddalena Degan, Leila Milani, Anna Porciani e Maria Luisa Tonelli.
I ragazzi del triennio si sono invece recati, per un soggiorno studio di tre settimane (dal 27 giugno al 17 luglio 2019) a Dublino, dove hanno avuto l’opportunità di frequentare un corso di potenziamento linguistico, finalizzato al conseguimento del Certificato B2 (FIRST), di approfondire gli aspetti culturali dell’Irlanda, la cui scelta è stata mirata, trattandosi di un paese anglofono che continua a far parte, però, della Comunità Europea.
Le insegnanti che hanno accompagnato questo gruppo di alunni sono state le professoresse Daniela Dani e Maddalena Degan e Annalisa Bove e Leila Milani.
L’attivazione di questo progetto ha permesso agli studenti, che vi hanno partecipato, non solo di progredire nella conoscenza della lingua inglese e di sviluppare soft skills spendibili in ogni momento della loro vita quotidiana, ma ha anche favorito momenti di aggregazione e di avvicinamento tra i ragazzi e i loro insegnanti; questo “lavoro di squadra”, condotto con affiatamento ed entusiasmo da parte di tutti ha fatto sì che, alla fine del percorso, i risultati siano stati ottimali sia a livello delle conoscenze che delle competenze, sicuramente evolute nell’ambito del “saper fare”, ma soprattutto in quello del “saper essere” cittadini europei a tutti gli effetti.
Per la realizzazione di questo PON, un ringraziamento particolare si deve alla professoressa Giuliana Ficini, che ha creduto nel progetto ed ha reso possibile la sua realizzazione, permettendo di aggiungere anche questa esperienza come un ulteriore segno distintivo dell’Itis “Galilei”, e ad altri preziosi collaboratori quali Andrea Barderi per il settore agroalimentare, Maria Rosa Boscaglia come docente EU e Stefania Lombardo come figura aggiuntiva.

Riproduzione riservata ©

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Dichiaro di aver letto, ai sensi dell'art. 13 D.Lgs 196/2003 e degli art. 13 e 14 del Regolamento (UE) 2016/679, l'Informativa sulla Privacy e di autorizzare il trattamento dei miei dati personali.
Il commento e il nick name da lei inseriti potranno essere pubblicati solo previa lettura da parte della redazione. La redazione si riserva il diritto di non pubblicare o pubblicare moderandolo sia il commento che il nick name. Se acconsente prema il bottone qui sotto “commenta l’articolo”.