Cerca nel quotidiano:


I prof con gli studenti: no al trasferimento delle classi dei “Geometri”

Domenica 2 Maggio 2021 — 08:32

I docenti dell’IIS “Buontalenti Cappellini Orlando” sostengono l’istanza presentata dagli studenti al fine del mantenimento della sede Buontalenti. Se i numeri degli iscritti hanno un peso “amministrativo-contabile”, altrettanto importante e significativo è dare valore alla dignità e al diritto allo studio di ogni studente che ha intrapreso o che dovrà iniziare un percorso scolastico scelto in base all’offerta formativa didattica comprensiva di strumenti e locali dell’Istituto di Via Zola. Anche noi docenti, come gli studenti, esprimiamo la nostra contrarietà alla scelta di trasferire le classi dei “Geometri” presso altro Istituto e questo al solo fine di favorire altri Istituti con altri percorsi formativi. Di anno in anno, nella struttura di Via Zola sono stati “ospitati” vari Istituti: dal CPIA al Liceo Enriques, al Liceo Cecioni per far momentaneamente fronte a problemi di aule garantendo, sempre, ai nostri studenti tutti gli spazi necessari alla loro formazione. Questo non potrà più essere garantito loro se la sede verrà spostata.
Chiediamo di poter continuare ad insegnare dove possiamo contare su spazi e pertinenze idonee alla crescita formativa dei futuri geometri garantendo sicurezza e incolumità durante lo svolgimento di esercitazioni, anche all’aperto, per i rilievi topografici, per le simulazioni di cantieri edili, comprensivi di corsi di montaggio ponteggi ed utilizzo di funi, nonché per piccole costruzioni con mattoni ecologici prodotti dagli studenti. Inoltre, gli altri laboratori di Modellismo e Costruzioni indispensabili ed obbligatori per la didattica del futuro geometra, sono utilizzabili anche per prove tecniche sulla resistenza dei materiali. Il trasferimento ad altra sede farebbe perdere l’”Identità” strutturale e identificativa all’Istituto e priverebbe gli studenti attuali e futuri di strumenti indispensabili per la loro formazione specifica.

Riproduzione riservata ©