Cerca nel quotidiano:

Condividi:

Il Liceo Niccolini Palli lancia il concorso di poesia “La natura, un bene prezioso”

Giovedì 19 Gennaio 2023 — 17:51

Da sinistra nella foto: la dirigente scolastica Teresa Cini, Gianfranco Porrà, presidente dell'Associazione Aurili, la professoressa Elisabetta Porta, referente del Liceo Classico e la professoressa Cristiana Chiti, coordinatrice del dipartimento di Lettere

Al via il bando per la selezione poetica riservata alle scuole secondarie di primo grado a Livorno, Collesalvetti e Capraia. La frase di ispirazione per il tema del concorso è di Albert Einstein: "Guarda profondamente nella Natura e capirai tutto meglio". Termine di iscrizione 31 marzo 2023

di Giacomo Niccolini

“La natura, un bene prezioso”. Guarda profondamente nella Natura e capirai tutto meglio (Albert Einstein). È questo il tema scelto per il concorso di poesia indetto dal Liceo Niccolini-Palli e dall’Associazione Aurili e rivolto agli alunni delle scuole secondarie di primo grado. Indetta ufficialmente la sesta edizione della selezione di liriche che da anni ormai riscuote successo tra i giovani alunni delle scuole medie del territorio di Livorno, Collesalvetti e Capraia.
A presentare il bando (che potete scaricare in formato integrale cliccando sulla clip bianca su sfondo azzurro in alto sopra al titolo) sono stati Gianfranco Porrà, presidente dell’Associazione Aurili, la dirigente scolastica dell’Isis Niccolini-Palli, Teresa Cini, la professoressa di letteratura italiana e latina e storia Cristiana Chiti, coordinatrice del dipartimento di Lettere, e la professoressa di letteratura italiana e latina e storia Elisabetta Porta, referente del Liceo Classico.
Lo scopo di questo concorso riservato ai giovanissimi poeti del nostro territorio è quello di poter incentivare i gusti personali e le peculiarità dei ragazzi alle porte alle porte dell’adolescenza, l’età più delicata e allo stesso tempo più brillante della stagione della vita di ognuno di noi.
“Cerchiamo, con questo concorso giunto alla sesta edizione – spiega la dirigente scolastica Cini – di promuovere la creatività e l’espressione dei sentimenti, valorizzare eccellenze nelle competenze linguistiche, motivare, anche attraverso l’esperienza concorsuale, all’approfondimento della lingua e della letteratura italiana, incoraggiare percorsi didattici innovativi”.
Nelle passate edizioni molteplici e peculiari sono state le tematiche sulle quali sono stati chiamati a confrontarsi gli alunni. Il primo concorso nel 2016 fu a tema “Il sogno”. L’anno seguente il titolo era stato dedicato a “La Musica” per poi pensare a “La Notte” nel 2018 mentre nel 2019 il tema fu “Un ricordo legato ad un angolo della mia città”.
Poi due anni di pausa per il Covid, poi il ritorno alla lirica con l’invito nel 2022 a tema “Un ricordo legato ad un angolo della mia città” per arrivare a questa tematica legata alla natura con la frase di Albert Einstein che sprona a riflettere sul domani partendo dall’oggi. “Abbiamo tutti i giorni a che fare con i nostri alunni – spiegano le professoresse Chiti e Porta – ed ogni volta ci rendiamo conto di come la questione ambiente, la problematica legata al futuro del nostro Pianeta sia molto a cuore dei giovani che sono molto sensibili a questa tematica. Ed è per questo che nasce questo tema che abbiamo voluto dare al concorso di questo 2023″.
Il bando verrà ufficialmente consegnato il 23 gennaio. Ci sarà tempo fino al 31 marzo 2023 per poter inoltrare la poesia (i dettagli nel bando in allegato). Le premiazioni si svolgeranno in primavera. Buona poesia a tutti. Come premi sono previsti buoni d’acquisto da poter spendere in una libreria cittadina da 150 a 70 euro e attestati di partecipazione per tutti coloro che aderiranno all’iniziativa.

Condividi:

Riproduzione riservata ©