Cerca nel quotidiano:


Il “Trofeo Eniques” tra le “Eccellenze Scuola Toscana”

Il progetto, giunto ormai alla sua prossima settima edizione, prevede lo svolgimento di due gare nel mese di marzo: l'edizione "Senior" per gli studenti interni, e quella "Junior" indirizzato agli alunni delle scuole medie

lunedì 22 ottobre 2018 11:21

Mediagallery

Si è svolta sabato 20 ottobre, nell’ambito della Fiera Didacta a Firenze, la premiazione dei progetti individuati dall’Usr Toscana come “Eccellenze Scuola Toscana”. Per Livorno si è aggiudicato il premio il Liceo Enriques con il percorso didattico-educativo “Trofeo Enriques”

Il progetto vincitore (che si ispira al famoso matematico-pedagogista livornese, dal quale ha preso il nome lo stesso liceo di via della Bassata), è una grande competizione ludica, a squadre,sui saperi scientifici, rivolta agli studenti dell’istituto e aperta agli alunni delle scuole medie del territorio. Gli obiettivi sono molteplici: promuovere metodologie stimolanti nei confronti di discipline che in genere vengono considerate tra le più ostiche nel piano di studi, orientare specifiche predisposizioni ed eccellenze degli studenti, definireun curricolo verticaledelle materie scientifiche maggiormente  rispondentealle esigenze formative degli studenti  del primo e del secondo grado.

Il progetto, giunto ormai alla sua prossima settima edizione, prevede lo svolgimento di due gare nel mese di marzo: il “Trofeo Enriques Senior” per gli studenti interni, e il “Trofeo Enriques Junior”, indirizzato agli alunni delle scuole medie, cittadine e della provincia.

Ciascuna sfida prevede la risoluzione, in un tempo prestabilito, di quesiti di matematica, fisica, scienze e chimica, alcuni dei quali proposti in lingua inglese.
Nella sezione Junior ogni “team” di scuola media è composto da 6 alunni, di cui al massimo 3 provenienti dalle classi terze, mentre, nella versione “Senior”, le squadre sono formate da 7 studenti, appartenenti al  biennio e alle classi quinte. Si tratta dunque di raggruppamenti misti, costituiti da studenti di diversa età e appartenenti in genere a classi diverse, che, durante la manifestazione, collaborano tra loro nella risoluzione dei quesiti, anche secondo la metodologia del peer to peer.
L’atmosfera che si respira durante la gara è  elettrizzante: si passa dalla concentrazione iniziale dei partecipanti per la scelta dei quesiti da risolvere, alle successive consegne dei lavori al tavolo  della giuria,ai momenti di esultanza per l’esattezza dei risultati.

E’ un’attività ludica, intensa, che presuppone un certo sforzo cognitivo, ma che piace molto ai ragazzi e che soprattutto li abitua didatticamente sia  a lavorare su “compiti reali”, con modalità cooperative,sia  a mettere in campo competenze disciplinari e di cittadinanza. I quesiti della gara sono elaborati dagli insegnanti del liceo che si avvalgono, per il settore Junior, dell’attiva partecipazione dei colleghi della scuola media, in particolareperla simulazione della gara, che si effettua un mese prima del trofeo, alla quale partecipano tutte le scuole secondarie di primo grado iscritte.

Alla fine della competizione, nell’aula magna del liceo tra scroscianti applausi e in un clima di entusiasmo generale, si svolge la consueta premiazione:a tutti un ricordo per la partecipazione e ricchi premi per le prime tre squadre classificate. Nel corso degli anni il trofeo è cresciuto, arrivando a contare nelle ultime edizioni la partecipazione di oltre 300 studenti.

Riproduzione riservata ©

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Dichiaro di aver letto, ai sensi dell'art. 13 D.Lgs 196/2003 e degli art. 13 e 14 del Regolamento (UE) 2016/679, l'Informativa sulla Privacy e di autorizzare il trattamento dei miei dati personali.
Il commento e il nick name da lei inseriti potranno essere pubblicati solo previa lettura da parte della redazione. La redazione si riserva il diritto di non pubblicare o pubblicare moderandolo sia il commento che il nick name. Se acconsente prema il bottone qui sotto “commenta l’articolo”.

Passa alla versione desktop Torna alla versione responsive