Cerca nel quotidiano:


La fibra ottica arriva in tutte le scuole

Accordo con l’Università di Pisa per portare la banda ultra larga interamente pubblica in tutti i luoghi della formazione

martedì 02 ottobre 2018 19:16

Mediagallery

Le scuole di ogni ordine e grado del Comune di Livorno, le università, i centri di ricerca e l’istituto superiore di studi musicali Pietro Mascagni verranno messe in rete e collegate attraverso un sistema di banda larga e ultra larga interamente pubblico (in foto di Simone Lanari il Liceo Classico Niccolini-Palli). È il frutto di un accordo siglato tra il Comune di Livorno e l’Università di Pisa, cui la giunta comunale ha dato il via libera con una delibera approvata questa mattina. “Mettere a disposizione delle scuole un sistema di connettività evoluto ed efficace – sottolinea l’assessore all’innovazione, Francesca Martini – significa porre le basi per lo sviluppo futuro di Livorno in termini di crescita culturale e sociale. La rete oggi è il mezzo di accesso ai contenuti di ogni tipo inclusi quelli didattici, formativi e scientifici. Se vogliamo fare un salto in avanti il primo nodo da affrontare è dotare il territorio di servizi d’accesso evoluti e dedicati. Secondo la normativa le scuole e i centri di ricerca possono sottrarsi alle logiche di mercato e strutturare una rete dedicata e proprietaria grazie alla quale usufruire dei servizi di connessione dell’Università di Pisa attraverso il Consorzio GARR e noi abbiamo scelto di cogliere questa opportunità”.
“Dotare le scuole e i centri di ricerca di servizi di connessione secondo una logica di servizio pubblico, per noi, è una funzione fondamentale del Comune – sottolinea Martini – che dovrebbe essere addirittura compresa fra le missioni istituzionali degli enti locali così come la fornitura del servizio di wifi pubblico”.
“La specialità di questo progetto sta inoltre nell’essersi convenzionati con la rete dell’università e della ricerca nata a Pisa addirittura nel 1991 e alla quale dobbiamo poi lo sviluppo della rete Internet – conclude l’assessore – Nata come  coordinamento fra i sedimenti di rete dei tanti centri di ricerca, la sua creazione ha segnato un passaggio importante per la ricerca e, oggi, a quasi trent’anni dalla sua costituzione, rappresenta ancora  un punto di riferimento importante per tutto il mondo della ricerca e della scuola, in grado non solo di fornire servizi ma anche di veicolare innovazione e stimolare collaborazione diffusa”.

L’accordo prevede: la posa di altri 10 km di fibra ottica che andranno ad implementare la rete già esistente di proprietà comunale, l’installazione presso il data center del Comune degli apparati necessari alla gestione dei servizi e l’installazione presso il data center dell’università di Pisa degli apparati per il disaster recovery. In questo modo le scuole di ogni ordine e grado del Comune di Livorno, i centri di ricerca collocati  alla Dogana d’Acqua e lo Scoglio della Regina, il Polo universitario dei Sistemi logistici di Villa Letizia così come l’istituto Mascagni, potranno entrare a far parte della rete GARR che garantisce la stessa velocità in upload e download delle soluzioni di mercato ma con una gestione interamente pubblica, a condizioni e costi molto al di sotto di quelli di mercato. Entro tre mesi le parti sigleranno un accordo per disciplinare gli aspetti tecnici, operativi e organizzativi dell’intero progetto, indicando le modalità e le tempistiche per la realizzazione dell’infrastruttura in fibra ottica.

Riproduzione riservata ©

1 commento

 
  1. # Carla

    Quali centri sono collocati a Dogana d’acqua?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Dichiaro di aver letto, ai sensi dell'art. 13 D.Lgs 196/2003 e degli art. 13 e 14 del Regolamento (UE) 2016/679, l'Informativa sulla Privacy e di autorizzare il trattamento dei miei dati personali.
Il commento e il nick name da lei inseriti potranno essere pubblicati solo previa lettura da parte della redazione. La redazione si riserva il diritto di non pubblicare o pubblicare moderandolo sia il commento che il nick name. Se acconsente prema il bottone qui sotto “commenta l’articolo”.