Cerca nel quotidiano:


L’Itis Galilei a #Ioleggoperché

Aderendo a questa iniziativa l'istituto dimostra, ancora una volta, di essere una scuola non solo altamente professionalizzante, ma anche molto attenta alla formazione personale dei suoi studenti

sabato 19 Ottobre 2019 18:34

Mediagallery

Nella sua connotazione di scuola che mira ad una formazione ad ampio raggio dei suoi numerosi studenti, poteva l’ITIS “Galilei” di Livorno non aderire ad un’iniziativa di portata nazionale come quella di #Ioleggoperché?

La domanda è chiaramente retorica e la sua risposta facile da trovare nell’evento  organizzato dalle professoresse Mariella Calabresi e Serena Senesi, non solo docenti di lettere all’interno dell’Istituto, ma anche membri della Commissione  Biblioteca dello stesso.

Nella mattina di sabato 19 ottobre, infatti, le due insegnanti, supportate anche dalla professoressa Paola Manerba,  hanno accompagnato presso la libreria Feltrinelli, situata in via di Franco a Livorno,  un gruppo di studenti che hanno presentato un estratto dello spettacolo “Acqua minerale” ad opera del laboratorio teatrale dell’Istituto ed hanno eseguito una lettura espressiva di alcuni brani tratti dal romanzo “Novecento”, dello scrittore Alessandro  Baricco.

Perfettamente in linea con gli intenti di questo importante  progetto sociale, che si propone di promuovere la lettura coinvolgendo attivamente lettori di ogni età, librerie e biblioteche, l’attività si è svolta sia nei locali della Feltrinelli, sia all’esterno, di fronte alle sue vetrine espositive proprio per estendere l’iniziativa alla cittadinanza.

Molti, infatti, sono stati i passanti che, in un primo momento incuriositi, si sono fermati ad ascoltare le letture degli studenti, apprezzandone la serietà e professionalità.

Un ulteriore ed analogo momento  sarà riproposto presso la libreria Ubik, in via Ricasoli a Livorno,  il 26 di ottobre,  dalle 10 alle 10,30, a conclusione della settimana prevista per il progetto #Ioleggoperché.

Aderendo a questa iniziativa l’ITIS “Galilei” dimostra, ancora una volta, di essere una scuola non solo altamente professionalizzante, ma anche molto attenta alla formazione personale dei suoi studenti, che intende valorizzare rispondendo alle loro esigenze socio-affettive e cercando di fornire loro un patrimonio quanto più fecondo di cultura e sapere, che possa arricchire il loro percorso di crescita.

Riproduzione riservata ©

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Dichiaro di aver letto, ai sensi dell'art. 13 D.Lgs 196/2003 e degli art. 13 e 14 del Regolamento (UE) 2016/679, l'Informativa sulla Privacy e di autorizzare il trattamento dei miei dati personali.
Il commento e il nick name da lei inseriti potranno essere pubblicati solo previa lettura da parte della redazione. La redazione si riserva il diritto di non pubblicare o pubblicare moderandolo sia il commento che il nick name. Se acconsente prema il bottone qui sotto “commenta l’articolo”.