Cerca nel quotidiano:


Master Math, sfida fra cervelli matematici: i vincitori

Ad aggiudicarsi il primo posto è stata Flavia Soldati, mentre il secondo e terzo posto sono stati ottenuti rispettivamente da Otto Giannetti e Gabriele Pierotti

Mercoledì 18 Dicembre 2019 — 11:47

di Giulia Bellaveglia

Mediagallery

Seconda edizione del progetto: 21 le classi terze delle scuole medie che si sono affrontate a colpi di giochi matematici e di logica. Tognotti: "Così avviciniamo i più giovani alla matematica in maniera originale e divertente"

Giornata all’insegna della matematica quella che, nella mattina di lunedì 16 dicembre, si è svolta al Liceo Cecioni con la competizione Master Math, gara di giochi matematici riservata agli studenti delle classi terze delle scuole medie.
Ad aggiudicarsi il primo posto è stata Flavia Soldati, mentre il secondo e terzo posto sono stati ottenuti rispettivamente da Otto Giannetti e Gabriele Pierotti, tutti e tre provenienti dalla scuola Bartolena. “Questa competizione genera la passione per la matematica nei ragazzi mentre si divertono – racconta Valeria Tognotti, referente del progetto – La divulgazione scientifica di matematica, scienze, fisica e chimica ha entusiasmato sia i ragazzi che i docenti presenti”. Sono state ventuno le classi che si sono affrontate a colpi di giochi matematici e di logica nella seconda edizione di questo progetto che ha visto arrivare in finale dodici ragazzi.

La prima fase di Master Math ha visto lo svolgimento di una gara online direttamente dalla scuola di appartenenza dei partecipanti: i cinque migliori alunni di ogni classe hanno poi preso parte all’incontro pomeridiano del 22 novembre dove sono stati coinvolti in una serie di laboratori scientifici di approfondimento. La competizione ha successivamente raggiunto la terza e ultima fase che ha visto gli stessi studenti sfidarsi tramite un quiz da svolgere attraverso un’applicazione su smartphone.
“L’obiettivo di Master Math è quello di avvicinare i più giovani alla matematica in maniera originale e divertente – continua Tognotti – Lo scopo è quello di far comprendere ai ragazzi che lo studio di questa materia non è necessariamente appannaggio di coloro che “sono portati”, ma che le capacità intuitive e logiche possono essere coltivate da tutti”.

Riproduzione riservata ©

1 commento

 
  1. # Gabriella

    Bellissimo progetto ! La matematica è’ alla portata di tutti , se ben spiegata!