Cerca nel quotidiano:

Condividi:

Nogarin agli studenti: sfidate i vostri insegnanti.
Al Cecioni prima campanella con “tutor”

Giovedì 15 Settembre 2016 — 06:50

Il sindaco agli studenti: "Nonostante i proclami e le buone intenzioni di chi ci ha governato in passato gli unici che possono dare quel colpo di reni necessario a imprimere una svolta a questo stato di cose siete proprio voi ragazzi"

Il messaggio di augurio del sindaco Filippo Nogarin in occasione dell’apertura dell’anno scolastico 2016/2017 (al Cecioni prima campanella con i tutor – clicca qui).

“Care ragazze e cari ragazzi, bentornati. So che per molti di voi oggi è un giorno complicato: lasciare le spiagge, gli amici, i giochi e il sacrosanto e meritato riposo estivo per sedersi nuovamente sui banchi non è per nulla semplice. Ma oggi voi avete la possibilità di fare ciò che molti adulti possono solo sognare di fare, cioè ricominciare da zero. Con il nuovo anno scolastico infatti, tutto si resetta: da oggi e per nove mesi circa avrete la possibilità di coltivare nuovi interessi, fare nuove amicizie, costruire nuove relazioni. Ma soprattutto avrete la possibilità di misurarvi con nuove sfide, e fare i conti con nuove difficolta e, perché no, con nuove sconfitte che vi aiuteranno a crescere. Per fare tutto questo, però, ci vuole coraggio. Gli ultimi dati Ocse ci dicono che la disoccupazione giovanile è in aumento. I pochi ragazzi che lavorano sono precari e sottopagati e, mentre nel resto d’Europa il trend sembra che si stia invertendo, l’Italia fatica ancora a diventare un Paese per giovani. Nonostante i proclami e le buone intenzioni di chi ci ha governato in passato e di chi ci governa ora, diventa sempre più evidente che gli unici che possono effettivamente dare quel colpo di reni necessario a imprimere una svolta a questo stato di cose siete proprio voi ragazzi. Il mio invito è molto semplice: sfidate i vostri insegnanti, incalzateli, spronateli a trovare nuove strategie d’apprendimento più adatte a voi. Stimolateli in maniera costruttiva e vedrete che la loro risposta vi sorprenderà. Insegnare è uno dei mestieri più belli del mondo ma la politica – e in questo senso mi sento responsabile quanto tutti gli altri – con le sue scelte dissennate ha finito per spegnare l’entusiasmo di maestre, docenti e professionisti che troppo spesso vivono in un’incertezza occupazionale inaccettabile. Per quanto ci riguarda, come Amministrazione, continueremo a impegnarci affinché la Scuola sia davvero di tutti e non lasci indietro nessuno. Lavoreremo per preservare e possibilmente migliorare la qualità dei servizi, la sicurezza e la messa a norma degli edifici. Ci occuperemo insomma, come sempre, delle strutture. Ma il cuore della scuola siete voi, ragazzi, insegnanti, amministrativi. Ed è da voi che dipende il buon funzionamento dell’intero sistema dell’informazione e di conseguenza il futuro di questo Paese.  Una responsabilità enorme che richiede appunto, tanto coraggio. Come ricordava il grande Gianni Rodari, uno tra gli scrittori italiani più amati da generazioni di bambini e di adulti: “È difficile fare le cose difficili: parlare al sordo, mostrare la rosa al cieco. Bambini, imparate a fare le cose difficili: dare la mano al cieco, cantare per il sordo, liberare gli schiavi che si credono liberi”. Buon lavoro a tutti!”.

Taglio del nastro “Osmana Benetti” – Prima, alla nuova scuola dell’Infanzia Statale “Osmana Benetti” via G.C. Bonomo (n.12 B), successivamente ai plessi di Villa Corridi. Saranno queste le due scuole cittadine dove si recherà il sindaco Filippo Nogarin (foto Simone Lanari), accompagnato dalla vicesindaca Stella Sorgente, giovedì mattina 15 settembre, in occasione dell’apertura del nuovo anno scolastico. La visita alle scuole partirà comunque con una prima tappa, alle 9, della vicesindaco Sorgente alla scuola superiore Ipsia Orlando in piazza 2 giugno. Alle ore 10.30 il sindaco taglierà il nastro della scuola “Osmana Benetti” (via G.C. Bonomo n.12 B) che accoglie 75 bambini della scuola dell’infanzia.
Alla cerimonia di scoprimento della targa dedicata a Osmana Benetti, interverranno Anna Pezzati, dirigente per l’ufficio scolastico ambito territoriale della Provincia di Livorno, la dirigente scolastica Teresa Cini, Stefano Oliviero del Dipartimento di Scienze della Formazione e Psicologia dell’Università di Firenze e Dunia Luciani, nipote di Osmana Benetti. In programma un intervento musicale della banda dell’SVS. A seguire , alle ore 11.30 circa, il sindaco e la vicesindaca si recheranno nei plessi di Villa Corridi che ospitano il Centro Infanzia “ Il Giardino di Sara”, la Scuola Primaria “ Corridi” e la “Succursale Villa Corridi “ secondaria di primo grado scuola “Mazzini”.

Condividi:

Riproduzione riservata ©