Cerca nel quotidiano:


Trofeo Enriques, alunni in gara tra “mate” e scienze. I vincitori

Una maratona di due ore, appassionante, che ha visto gli studenti del biennio e del triennio lavorare insieme con impegno e con il sorriso sulle labbra. Ecco le squadre sul podio

Venerdì 23 Marzo 2018 — 19:08

Mediagallery

Si è svolto il pomeriggio di venerdì 23 marzo, nella palestra del liceo il 6° Trofeo Enriques. Si tratta di  una gara a gruppi sui “Saperi scientifici”, che giunta alla sesta edizione rappresenta ormai, sia per gli studenti interni che per quelli delle scuole medie della città, un appuntamento irrinunciabile.
Sono state 13 le squadre che venerdì 23 marzo si sono cimentate nella competizione ideata in via della Bassata per un totale di 180 ragazzi che, per l’occasione, hanno attivato la più alta espressione del metodo “Cooperative learning” per risolvere appunto in gruppo, e nel più breve tempo possibile, quesiti e problemi aperti di matematica, fisica, scienze e chimica con tracce anche in lingua inglese.
Una maratona di due ore, appassionante, che ha visto gli studenti del biennio e del triennio lavorare insieme con impegno e con il sorriso sulle labbra e durante la quale, la giuria (composta dai docenti in servizio ma anche in quiescenza, che volentieri sono tornati tra le mura della Scuola), aspettava le soluzioni. Una bella prova di collaborazione e di tutoraggio tra gli studenti appartenenti a classi diverse e riuniti in team, e soprattutto una divertente e motivante iniziativa che sollecita i ragazzi a mettere in campo (e sembrerebbe anche senza grossa fatica), quelle competenze disciplinari e trasversali (sociali, di cittadinanza), acquisite strada facendo nel percorso di studio. “Si tratta di un’attività ludica centrata sulla logica, che presuppone un certo sforzo cognitivo – sostengono gli esperti del Trofeo – ma che piace molto ai ragazzi e che soprattutto li abitua didatticamente a lavorare su compiti reali e con modalità attualmente in uso nei test universitari o in quelli utilizzati per la selezione alle attività lavorative”.
Per partecipare alla gara occorrono poi, oltre alle conoscenze ed alle abilità specifiche, anche buone dosi di creatività. E la fantasia di certo non è mancata ai ragazzi dell’Enriques, almeno da giudicare dai nomi con cui hanno coniato le squadre in gara: dai “50 sfumature di PI greco”, agli “A-cute angle”, agli Arrotondati”, ai “Sette noni” ai “Siamo fatti cauchy”, ai “Cialtroni di 2°grado” e tanti altri. Finita la competizione in Aula Magna sono state premiate le prime tre squadre classificate, alla presenza della Dirigente Scolastica del Liceo, Manuela Mariani che si è complimentata con i ragazzi che hanno preso parte all’evento con entusiasmo e con i docenti organizzatori:
1- “Integrare è bello” (Alessandro Pedri, 1M; Cosimo de Luca 2D; Dario Canu 2H; Nicola Porri e Alessandro Gazzetti 3C; Lorenzo Bordonaro e Angelo Paone VB)
2- “I numeri 38” (Pietro Grassi 1D; Tommaso Mini 2A; Andrea Gassani 2I; Gabriele Tarica, Giorgio Donolo,Matteo Giusti 4D; Benedetta Bertoli 5D)
3- “MathAtlete”(Elisa Giuffrida, Chiara Turchi, Claudia Fiori, 1M; Cristina Esposito 4°, Elisa Floris, Laura Doronzio, Ilaria Vezzani 4D)
Sabato 24 marzo, è invece previsto il “turno” dei “piccoli” cioè il Trofeo Enriques Junior riservato agli studenti delle scuole secondarie di 1° grado.
In gara ben 30 squadre composte da 6 studenti ciascuna, provenienti dalle Scuole Medie della città e della provincia: Bartolena, Borsi/Pazzini, Mazzini, Micali, Benedettini (Stagno), Picchi (Collesalvetti) e Fattori (Rosignano Solvay). Una gran bella esperienza dunque anche per gli alunni del primo grado che, come i “colleghi senior”, si metteranno all’opera per risolvere quesiti di matematica e di scienze e per rispondere ad alcuni quiz proposti in lingua Inglese.
La gara, della complessiva durata di un’ora e trenta prevede la scelta da parte da parte degli stessi ragazzi delle prove da sostenere e l’individuazione, per ciascun team, di un rappresentante “consegnatario” delle soluzioni alla giuria. Finita la gara, merenda per tutti e premiazione finale. A ciascun partecipante un ricordo gentilmente offerto dalle case editrici Zanichelli e De Agostini e alle prime tre squadre classificate una targa per la Scuola di appartenenza ed un premio speciale.

Riproduzione riservata ©