Cerca nel quotidiano:


Una mostra per ricordare Sergio e Massimo Pucci

Proprio Massimo Pucci brevettò tre innovazioni, tra cui le forbici curve, che hanno rivoluzionato il mondo del capello. Per ricordare queste due importanti figure dal 5 al 27 marzo 2022 sarà allestita una mostra in via della Pina d’Oro, dedicata al periodo degli anni '60 e '70

Domenica 7 Novembre 2021 — 15:29

di Letizia D'Alessio

Mediagallery

Il mondo del lavoro e della scuola si sono uniti per fare conoscere la storia di due importanti personaggi livornesi e dell’opera che hanno portato avanti. Si tratta di Sergio e Massimo Pucci, capostipiti di una ‘dinastia’ nell’universo dell’estetica e dei capelli.
Sarà nel salone “Sergio e Massimo” che dal 1967 in poi hanno pettinato molti personaggi celebri, come attrici, modelle, cantanti e mogli di politici dell’epoca. E proprio Massimo Pucci brevettò tre innovazioni, tra cui le forbici curve, che hanno rivoluzionato il mondo del capello. Per ricordare queste due importanti figure dal 5 al 27 marzo 2022 sarà allestita una mostra in via della Pina d’Oro, dedicata al periodo degli anni ’60 e ’70.
Nel frattempo però si è rinnovata la collaborazione con l’istituto professionale Colombo e in seconda battuta con il canale televisivo Telecentro 2 e la trasmissione di Anna Faruky “Speciale per voi”, con sei puntate da novembre a febbraio. “Reputo importante che le nuove generazioni conoscano la storia del lavoro che andranno a fare. – ha affermato Stefania Cundari, erede della famiglia Pucci – Conoscere il passato fa vivere meglio ciò che il futuro riserva e l’obiettivo è infatti stimolare la curiosità di ciò che è stato”.
“Si tratta di un connubio tra scuola e mondo esterno dove si impara a conoscere. – ha concluso la dirigente scolastica del Vespucci-Colombo Francesca Barone Marzocchi – È l’occasione per vedere ciò che viene dopo aver concluso il percorso scolastico. Vi auguro di divertirvi in quello che fate e colgo l’occasione di ringraziare tutti gli insegnanti e i professionisti che si sono impegnati nel progetto”.

Riproduzione riservata ©