Cerca nel quotidiano:


A Shangai una bici-sportello mobile

Shangai Riding è un progetto di comunità che vuole rendere partecipi gli abitanti e coinvolgerli girando, in bicicletta, per le strade del quartiere per ascoltarne voci, proporre discussioni, raccogliere idee e dare informazioni

Lunedì 15 Giugno 2020 — 15:52

Mediagallery

v

Una bicicletta si aggira per Shangai! È la bicicletta del progetto Shangai Riding, uno sportello mobile che ascolterà i bisogni, darà informazioni e promuoverà iniziative in tutto il quartiere.
Il progetto Shangai Riding, nasce dalla collaborazione tra Arci Livorno, associazione da tempo presente sul territorio e Linc, un’organizzazione che si occupa di intervento e ricerca di comunità, con il finanziamento della Regione Toscana e il patrocinio del Comune di Livorno.
“Il progetto è parte di una strategia generale di riqualificazione urbanistica e sociale del quartiere –  spiega l’assessore alle Politiche sociali del Comune di Livorno Andrea Raspanti – Le criticità sono tante, ma tra gli abitanti della zona c’è molta voglia di riscatto. Il mondo delle associazioni e del volontariato ha un ruolo chiave e deve essere valorizzato”.
L’idea di fondo di Shangai Riding è quella di ribaltare le logiche con cui  normalmente avvengono gli interventi nelle comunità: non più un progetto che arriva a proporre iniziative dall’esterno, ma un progetto che si pone in ascolto prima di agire.
Shangai Riding è un progetto di comunità nel vero senso del termine, che vuole rendere partecipi gli abitanti e coinvolgerli girando, in bicicletta, per le strade di Shangai per ascoltarne voci, proporre discussioni, raccogliere idee e dare, quando necessario, informazioni.
Il progetto utilizzerà strumenti di ricerca azione (raccolta dati, focus group, interviste strutturate, momenti informativi) ma più di ogni altra cosa conterà il contatto diretto con le persone del quartiere.
“La nostra bicicletta – spiega l’assessore – girerà nel quartiere due giorni a settimana a disposizione dei cittadini per segnalazioni, proposte, suggerimenti, criticità. A breve, al lavoro di strada, si affiancherà anche una postazione fissa all’interno del centro civico che faciliterà il rapporto con le istituzioni e con tutte le realtà che incontreremo nel cammino”.

Riproduzione riservata ©