Cerca nel quotidiano:


Alla stazione camper Caritas per senzatetto.
Corso di formazione per volontari

A novembre, dalle 18 alle 22, un camper attrezzato a disposizione delle persone senza dimora che, la notte, cercano riparo presso la Stazione. Domande via mail a [email protected] dal 5 al 26 settembre

Domenica 4 Settembre 2016 — 07:00

Mediagallery

Si chiama La Strada di Casa ed è un corso di formazione per volontari. A bandirlo è l’Associazione La Casa, che gestisce l’omonima struttura di accoglienza per malati cronici e oncologici con problemi sociali a Quercianella. Al suo fianco in questa avventura ci sono la Caritas, Arci Solidarietà e Associazione Cure Palliative. Il corso, aperto a un massimo di 25 persone, ha l’obiettivo di formare i volontari che saranno chiamati a operare sull’unità mobile che, dall’autunno, Caritas installerà nei pressi della Stazione, in piazza Dante, grazie alla collaborazione con SVS e al contributo della Fondazione Livorno, che ha deciso di sostenere l’intervento. A partire dal mese di novembre infatti, dalle 18 alle 22, un camper attrezzato sarà a disposizione delle persone senza dimora che, la notte, cercano riparo presso la Stazione: un presidio di osservazione, ascolto e orientamento attraverso il quale Caritas vuole ridurre l’isolamento (e conseguentemente i rischi che vi sono connessi) delle persone che vivono in condizioni di grave marginalità, mettendole in contatto con i presidi sanitari e sociali di bassa soglia presenti sul territorio. Il percorso formativo, coordinato dall’Associazione La Casa e realizzato grazie al contributo del Cesvot, avrà il suo focus sul tema della salute, declinato nella prospettiva dell’intervento di strada e di bassa soglia, cioè rivolto alle persone in situazione di estrema povertà. Il percorso prevede lezioni frontali in aula, tirocini assistiti che offrono l’opportunità di esperienze guidate sul campo, attività di supervisione a cura di operatori esperti e psicologi, verifiche e momenti di riflessione comune. Al centro il moderno concetto di salute come benessere bio-psico-sociale e l’idea di cura che ne deriva, la conoscenza dei servizi territoriali e delle modalità del loro accesso, l’importanza della prevenzione primaria e secondaria e di una corretta informazione, le strategie di promozione della salute e delle cura di sé in contesti di isolamento sociale e disagio cronicizzato. Rivolto a uomini e donne con più di 18 anni, il corso non richiede alcuna precedente esperienza nel settore, solo la volontà di mettersi al servizio delle persone più svantaggiate e rendere possibile l’attivazione di un nuovo servizio di prossimità agli ultimi. Le domande di partecipazione devono essere consegnate alla segreteria di Caritas a mano presso il front office di via delle Cateratte 15 o per posta elettronica all’indirizzo [email protected] dal 5 al 26 settembre. Nei primi mesi di ottobre si terranno i colloqui conoscitivi che, in caso di un alto numero di richieste (25 i posti disponibili), saranno strumento di selezione. Il modulo di richiesta è scaricabile alla pagina www.caritaslivorno.it. Info: 0586 8884693.

Riproduzione riservata ©

Cerchi visibilità? Contattaci: 1,1 milioni di pagine viste al mese e oltre 54.800 iscritti a Fb

Nuova apertura? Cambio sede? Lancio prodotto? Visibilità di 1,1 milioni di pagine viste al mese e oltre 54.800 iscritti a Fb. Per preventivo https://www.quilivorno.it/richiesta-preventivo-banner/ oppure [email protected]


2 commenti

 
  1. # Stelio

    ecco
    se un quarto delle persone che scrivono “prima gli italiani” facesse questo corso…..

    1. # il terrone

      E se gli altri tre quarti andassero la mattina a pulire lo sporco che queste persone lasciano nei corridoi ,sotto le panchine e negli angoli piu’ nascosti usati come urinatoi?