Cerca nel quotidiano:


Appello dell’Apici: “Aiutateci ad aiutare chi ha bisogno”

L'associazione ha rivolto un appello alla città per una sottoscrizione che possa servire a sostituire un vecchio Doblò, attrezzato con pedana per il trasporto di carrozzina per disabili, e che ormai rischia di bloccarsi da un giorno all'altro

mercoledì 28 novembre 2018 17:26

Mediagallery

Tre furgoncini ed una Panda. Sedici ruote per trasportare ogni giorno un carico di aiuto e di umanità, al servizio di anziani e disabili, di chi ha bisogno di una visita in ospedale, di chi è infermo e non può andare a fare la spesa o andare in farmacia a prendere le medicine, e allora se  le vede recapitare a domicilio.
Sono i mezzi dell’Apici (Associazione  Provinciale Invalidi Civili e Cittadini Anziani), una ventina di volontari, quasi ventiseimila servizi nel 2017, 4mila a beneficio di disabili, una sede in via del Seminario 57 che è un prezioso punto di riferimento nella galassia delle associazioni di volontariato che sopperiscono nel sociale alle carenze e ai ritardi delle istituzioni.
Tre furgoncini e una Panda che sono il motore di questa benemerita attività. Ma i mezzi sono ormai vecchi, hanno macinato decine di migliaia di chilometri e richiedono di continua manutenzione. Per
questo l’Apici ha rivolto un appello alla città per una sottoscrizione che possa servire a sostituire un vecchio Doblò, attrezzato con pedana per il trasporto di carrozzina per disabili, e che ormai rischia di bloccarsi da un giorno all’altro. “Abbiamo lanciato una raccolta tra i nostri soci, circa novecento, l’unica nostre fonte di finanziamento – dice la presidente Tania Russo – ed abbiamo raccolto quasi settemila euro attingendo alle quote associative… pochi purtroppo rispetto ad un preventivo che abbiamo chiesto, una cifra attorno ai 30mila euro dovendo il mezzo essere modificato data la sua particolare funzione”.
Da qui l’appello alla città, che suona un po’ come un “Aiutateci ad aiutare chi ha bisogno”. Chi volesse aderire alla sottoscrizione “pro acquisto Doblò” può farlo versando un contributo sul c/c Intestato ad Apici Livorno iban IT55Q0760113900000072927841 oppure telefonando all’associazione allo 0586-82.93.91.

Riproduzione riservata ©

1 commento

 
  1. # Carlo

    E’ vergognoso che per aiutare anziani e disabili, in questo paese che spende miliardi di euro per armamenti, ci si debba raccomandare ad una pubblica sottoscrizione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Dichiaro di aver letto, ai sensi dell'art. 13 D.Lgs 196/2003 e degli art. 13 e 14 del Regolamento (UE) 2016/679, l'Informativa sulla Privacy e di autorizzare il trattamento dei miei dati personali.
Il commento e il nick name da lei inseriti potranno essere pubblicati solo previa lettura da parte della redazione. La redazione si riserva il diritto di non pubblicare o pubblicare moderandolo sia il commento che il nick name. Se acconsente prema il bottone qui sotto “commenta l’articolo”.