Cerca nel quotidiano:


Avviso pubblico per l’acquisto di alloggi destinati al patrimonio Erp e iscrizione dei richiedenti asilo

Le proposte d'acquisto da parte dei privati attraverso procedure ad evidenza pubblica, dovranno essere trasmesse al Lode livornese e successivamente alla Regione Toscana entro il 15 agosto

venerdì 19 Luglio 2019 19:25

Mediagallery

Avviso pubblico per l’acquisto di alloggi destinati ad incrementare il patrimonio immobiliare ERP (Edilizia Residenziale Pubblica) del Comune di Livorno e l’iscrizione anagrafica dei richiedenti asilo, questi i tempi della conferenza stampa che stamani l’assessore al sociale e politiche abitative Andrea Raspanti, ha tenuto in sala De Majo a Palazzo Comunale.

La Regione Toscana ha messo a disposizione delle risorse, che devono essere impiegate entro la fine dell’anno, per permettere ai comuni di andare ad aumentare il patrimonio di edilizia residenziale pubblica.”Il decreto è stato pubblicato il 17 aprile scorso – ha dichiarato l’assessore Raspanti – ma la precedente amministrazione non ha ritenuto opportuno usarlo. Noi invece, dal momento che l’emergenza abitativa a Livorno è un tema di grande importanza, abbiamo deciso di fare un tentativo anche se i tempi sono molto stretti. E’ per noi una priorità fondamentale permettere a tutti i cittadini di vivere decorosamente”.
Le proposte d’acquisto da parte dei privati attraverso procedure ad evidenza pubblica, dovranno essere trasmesse al Lode livornese e successivamente alla Regione Toscana entro il 15 agosto.
La Regione approverà la graduatoria degli ammessi al finanziamento e lo erogherà entro il 15 dicembre a presentazione del contratto preliminare di compravendita. Gli alloggi offerti in vendita dovranno corrispondere ad un intero fabbricato o ad una porzione di fabbricato, costituito da almeno quattro alloggi, essere di nuova costruzione, immediatamente accessibili e assegnabili. Non dovranno avere vincoli di qualsiasi natura. Il prezzo massimo è costituito dal limite di costo per l’acquisto di immobili di nuova costruzione contenuto nel Decreto Dirigenziale Regione Toscana numero 7385 del 17 maggio 2018. Le offerte dovranno pervenire entro le ore 13 del 29 luglio e indirizzate a Comune di Livorno, Settore Contratti, Proveditorato, Economato, Patrimonio, Demanio – Piazza del Municipio 1 – 57123 Livorno.

Il secondo argomento trattato in conferenza stampa ha riguardato l’iscrizione anagrafica dei richiedenti asilo. “Abbiamo chiesto all’avvocatura comunale un’istruttoria relativamente alla possibilità di iscrivere all’anagrafe comunale i richiedenti asilo – ha dichiarato l’assessore Raspanti – Inizialmente sembrava non possibile in base all’articolo 13 del Decreto Salvini, in realtà il testo normativo abolisce non il diritto all’iscrizione anagrafica dei richiedenti asilo, ma la procedura semplificata prevista nel 2017 che introduceva l’istituto della convivenza anagrafica. Lo straniero richiedente asilo va ritenuto a tutti gli effetti come regolarmente soggiornante nel territorio italiano. Ciò significa che rimane una norma nel nostro ordinamento giurdico che ancora permette l’iscrizione anagrafica. A questa tesi hanno dato rilievo giudiziale le ordinanze provenienti dal tribunale di Firenze, Bologna, Genova – prosegue l’assessore Raspanti – Noi vogliamo creare integrazione che si forma dalle basi, ovvero dall’anagrafe. Il dovere degli enti pubblici è il rinoscimento dei diritti fondamentali. Una società inclusiva è più sicura per tutti”.

Riproduzione riservata ©

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Dichiaro di aver letto, ai sensi dell'art. 13 D.Lgs 196/2003 e degli art. 13 e 14 del Regolamento (UE) 2016/679, l'Informativa sulla Privacy e di autorizzare il trattamento dei miei dati personali.
Il commento e il nick name da lei inseriti potranno essere pubblicati solo previa lettura da parte della redazione. La redazione si riserva il diritto di non pubblicare o pubblicare moderandolo sia il commento che il nick name. Se acconsente prema il bottone qui sotto “commenta l’articolo”.