Cerca nel quotidiano:


Ctt: l’informazione contro la violenza viaggia sul bus

Per sei mesi un bus urbano Ctt viaggerà pubblicizzando lo sportello Vis per le persone vittime di violenza. Stella Sorgente: "Sul nostro territorio è presente una rete che coinvolge ben 27 soggetti per la tutela di queste vittime"

Martedì 18 Dicembre 2018 — 07:15

di Giulia Bellaveglia

Mediagallery

Dal 16 dicembre un bus urbano Ctt viaggerà per sei mesi con un banner che pubblicizza lo sportello Vis (Victim Supporting Project) attivo nella nostra città da ben quattro anni con servizi che spaziano dall’assistenza psicologica al settore sociale, fino all’assistenza legale gratuita.
L’iniziativa è stata presentata nella mattina di lunedì 17 dicembre dalla consigliera provinciale di parità Cristina Cerrai, dal vicesindaco Stella Sorgente, dal dirigente Ctt Bruno Bastogi e dalla responsabile Asl del Codice Rosa Laura Adorni.
“Spesso le donne che vivono situazioni di violenza e le persone vittime di reati, in particolare i bambini e gli anziani, non sanno a chi rivolgersi per avere un sostegno o un primo contatto che li aiuti a capire quali sono i servizi presenti sul territorio e come arrivarci – ha detto Cerrai – Per questo l’idea di far viaggiare il messaggio tramite bus, grazie al quale si potranno diffondere più facilmente le informazioni sulle attività dello sportello Vis, la sua collocazione e gli orari di apertura”.
Lo sportello Vis ha sede nella Provincia di Livorno in piazza del Municipio, 4; l’operatore telefonico risponde dal lunedì al venerdì dalle 9 alle 13, mentre l’accoglienza è prevista il martedì e il giovedì dalle 15 alle 19.
“Il nodo significativo di questo progetto è far capire alle vittime di violenza, e in generale a tutti i cittadini, che sul nostro territorio esiste una rete di servizi molto efficienti per questa tematica – ha commentato Sorgente – Per contrastare il fenomeno della violenza la rete locale vede infatti riuniti ben 27 soggetti tra istituzioni, forze dell’ordine, servizi sanitari, associazioni del sociale, volontariato ed organismi di parità di genere”.
Per capire l’importanza dell’esistenza di tale sportello basta guardare i dati emersi dalla sinergia dei soggetti coinvolti: solo nel 2018 sono state ben 150 le persone vittime di violenza nella nostra città e una donna ogni tre giorni è vittima di violenza di genere.
“Il nostro piccolissimo contributo a questo meraviglioso progetto è stato quello di fornire la pubblicità dello sportello Vis su un autobus urbano a prezzi estremamente convenienti” ha aggiunto Bastogi.
La pubblicità che i cittadini potranno vedere in questi mesi sul mezzo raffigura inoltre un disegno realizzato da vittime di violenza oggi formate come operatrici Vis.

Riproduzione riservata ©