Cerca nel quotidiano:


Gli “AcchiappaRifiuti” in campo per la pulizia della Bufalina

Saranno al fianco di Acchiapparifiuti l'inseparabile Associazione Reset di Livorno, una folta schiera di altre Associazioni e per la raccolta del materiale spiaggiato ci sarà l'appoggio di un automezzo messo a disposizione dall'Ente di Bonifica Consorzio Toscana Nord

Venerdì 14 Dicembre 2018 — 16:50

Mediagallery

Dopo 2 anni di eventi organizzati a Livorno, Lavaiano e una raccolta di 30 tonnellate di rifiuti tra Tirrenia e Calambrone (solo nel 2017), senza dimenticare la storica pulizia in un fine settimana, con circa 70 volontari, nelle amene Cale della Capraia, sabato 15 dicembre, il Gruppo “AcchiappaRifiuti” approderà” sulla bellissima spiaggia della Bufalina di Marina di Vecchiano con le sue incredibili dune troppo spesso oggetto di vandalismi ed abbandono di rifiuti di ogni genere.

Il ritrovo dei partecipanti è alle 9.30 al parcheggio del bagno Dunadonda Oasi 2 a Marina di Vecchiano, l’attività di pulizia sarà effettuata dalle 10 alle 15. Per la pausa pranzo al sacco si raccomanda l’uso di stoviglie compostabili e borracce. Gli organizzatori sottolineano che l’iniziativa è adatta ai nuclei familiari inclusi i bambini.

Riconoscendo l’importanza e il valore di queste manifestazioni  hanno dato il patrocinio all’iniziativa: il Parco Migliarino San Rossore Massaciuccoli, il Consiglio Regionale della Toscana e le Amministrazioni Comunali di Livorno, Pisa e  Vecchiano.

Saranno al fianco di Acchiapparifiuti l’inseparabile Associazione Reset di Livorno, una folta schiera di altre Associazioni e per la raccolta del materiale spiaggiato ci sarà l’appoggio di un automezzo messo a disposizione dall’Ente di Bonifica Consorzio Toscana Nord.

“Noi non molliamo – ha detto Sergio Giovannini –  ma dobbiamo ringraziare principalmente tutti coloro che hanno aderito: la Croce Rossa di Pisa con 12 richiedenti asilo; la Croce Rossa di Livorno che con puntiglio scientifico catalogherà la quantità di plastiche presenti per mq. di spiaggia; i ricercatori del CNR di Pisa e di La Spezia che aiuteranno a riconoscere le diverse tipologie di plastica sulla base dei loghi e della destinazione d’uso per capire come e se  può essere possibile riciclarle; gli amici del WWF; Legambiente delegazione di Pisa; la Compagnia di Calci; i sempre presenti rappresentanti di A.N.P.A.N.A Pisa; i “pirati” fiorentini di Sea Shepherd; la grande disponibilità di Geofor; i rappresentanti del PMSRM; le istituzioni pubbliche quali il Presidente della Commissione Ambiente del Consiglio Regionale della Toscana Giacomo Giannarelli,  l’Assessore Regionale Vittorio Bugli, l’Assessore all’Ambiente di Vecchiano Mina Canarini,  l’Assessore all’Ambiente di Pisa Filippo Bedini, l’Assessore all’Ambiente di Livorno Giuseppe Vece”.

Ma soprattutto è grazie ai cittadini che hanno a cuore il futuro del pianeta se il gruppo riuscirà ad essere incisivo per rendere più pulite le nostre spiagge, i nostri mari e le nostre pinete. E non solo per far crescere la cultura del bello ma soprattutto per preservare un ecosistema estremamente delicato e fragile, battuto dalle mareggiate, portatrici di rifiuti, devastanti per questi meravigliosi arenili dove nidificano anche volatili protetti che spesso rimangono vittime delle plastiche ingerite.

Riproduzione riservata ©