Cerca nel quotidiano:


I Mayor von Frinzius tornano sul palco il 13 luglio con “Augenblick, non ora”

Appuntamento in Fortezza Vecchia. Lo spettacolo sarà dedicato ad Andrea Matteucci, il ragazzo di 17 anni morto a causa di un incidente stradale nell’estate del 2020

Mercoledì 23 Giugno 2021 — 11:32

di Letizia D'Alessio

Mediagallery

Il regista Lamberto Giannini: "“Era fondamentale e necessario per i ragazzi continuare a fare questa attività, per loro molto importante. La scarsa attenzione che c’è stata nei confronti del mondo della disabilità e del volontariato ci ha ferito molto"

Il 13 luglio, alle 21, torna sul palco della Fortezza Vecchia la Compagnia Mayor Frinzius (composta attualmente da un gruppo di 60 persone) con lo spettacolo “Augenblick, non ora” (foto in pagina di Lorenzo Amore Bianco).
In questi due anni la compagnia ha dovuto reinventarsi e trovare nuove forme per dare vita ai nuovi spettacolo. “In questi due anni la compagnia ha sofferto molto la situazione pandemica – ha spiegato Lamberto Giannini, durante la conferenza stampa di presentazione della serata – tuttavia abbiamo ritenuto di dover rappresentare almeno uno spettacolo all’anno. Questa che andiamo a mettere in scena sarà un’opera molto significativa, tipica della nostra compagnia”. Quello trascorso è stato sicuramente un anno molto particolare: “Ci siamo dovuti destreggiare tra le prove al The Cage, poi su Zoom, successivamente in via Bonaini e infine di nuovo al Cage – ha ricordato uno dei registi dello spettacolo, Rachele Casali – Ci siamo dovuti riorganizzare molte volte e completamente, ma siamo riusciti, nonostante le varie difficoltà, a non fermarci mai”. Lo spettacolo sarà dedicato ad Andrea Matteucci, il ragazzo di 17 anni morto a causa di un incidente stradale nell’estate del 2020: “Mio figlio mi ha sempre parlato molto di Giannini – ha raccontato Giovanni, il padre del ragazzo, anche lui presente con la moglie alla presentazione dello spettacolo – e quando ho conosciuto Lamberto ho capito il valore della persona”.
Anche il direttore artistico del teatro Goldoni, Emanuele Gamba, ha posto l’attenzione sulla personalità trascinante di Giannini: “Nonostante fossimo in un periodo difficile come quello del Covid, con tutte le regole imposte dai Dpcm – ha ricordato – Lamberto cercava di fare con tutta la sua forza ciò che ama fare”.
Era fondamentale e necessario per i ragazzi continuare a fare questa attività, per loro molto importante – ha concluso Giannini – la scarsa attenzione che c’è stata nei confronti del mondo della disabilità e del volontariato ci ha ferito molto”.
I biglietti sono disponibili presso la biglietteria del teatro Goldoni aperta dal martedì al sabato dalle 10  alle 13; sul sito o nei punti vendita TicketOne oppure sul sito del Teatro Goldoni.
Prezzo intero 15,00 €; ridotto (under 25) 12,00 €.

Riproduzione riservata ©