Cerca nel quotidiano:


Il vescovo celebra la Giornata Mondiale della Gioventù

Domenica 9 Aprile 2017 — 23:09

Mediagallery

di Roberto Olivato

Ieri 9 aprile domenica delle Palme, tutte le Diocesi hanno celebrato anche l’apertura della XXXII GMG (giornata mondiale della gioventù). A Livorno l’appuntamento era fissato presso l’Istituto S. Maria Maddalena dove sin dalle prime ore del pomeriggio i giovani si sono ritrovati in attesa del vescovo Simone Giusti , giunto alle 17,30 per discutere assieme a loro il tema della Giornata:   “ Grandi cose ha fatto in me l’Onnipotente ” e, prendendo spunto dalla frase del Magnificat, monsignor Giusti  ha ricordato l’importanza che riveste l’amore nella vita di ogni uomo  “ Vivere nell’amore significa vivere in Dio, solo restando con lui si può sconfiggere il male. Si pensa che le bombe risolvano tutto, ma non è così ed i fatti lo dimostrano, le guerre non hanno mai risolto nulla! Solo col dialogo e non con le bombe, si può riportare la pace nel mondo. Voi ragazzi lo sapete meglio di tutti – ha proseguito il vescovo- quando amate una ragazza od un ragazzo, sentite di avere in mano il mondo e di non aver paura di nessuno, perché il vero amore deriva da Dio che è l’unica forza capace di opporsi al male ed alle prepotenze del  mondo. Quindi se lasciamo lavorare l’amore di Dio nei nostri cuori non dovremo aver paura di niente e di nessuno. ” Al termine dell’omelia il vescovo ha consegnato alle ragazze ed ai ragazzi un granello di senape, a significare l’importanza che ognuno di noi riveste nella Chiesa, rappresentandone l’intera comunità che la costituisce. Monsignor Giusti domenica 9 aprile, apertura della XXXII GMG, che messaggio si sente di dare alle ragazze e ragazzi livornesi, anche a quelli che non erano presenti questa sera e che magari sono lontani dalla Chiesa?
“Vivere con l’amore nel cuore, divertitevi con Dio e scoprite che la vita vale se è donata, altrimenti ti trovi con nulla in mano. Solo se doni scopri, solo se ami comprendi e ti godi la vita”.

 

Riproduzione riservata ©