Cerca nel quotidiano:


Le uova di Pasqua di AIL tornano in piazza

A Livorno l'appuntamento sarà in piazza Grande e all'Ipercoop dalle 9 alle 19 mentre alle ex Terme del Corallo soltanto domenica 3 aprile dalle 10 alle 13

Giovedì 31 Marzo 2022 — 12:27

Mediagallery

Si rinnova il tradizionale appuntamento di solidarietà promosso dall’Associazione Italiana contro le Leucemie, i Linfomi e il Mieloma, posto sotto l’Alto Patronato del Presidente della Repubblica e realizzato grazie all’impegno di migliaia di volontari A.I.L. L’appuntamento è per i giorni 1, 2 e 3 aprile. A Livorno l’appuntamento sarà in piazza Grande e all’Ipercoop dalle 9 alle 19 mentre alle ex Terme del Corallo soltanto domenica 3 aprile dalle 10 alle 13.
L’iniziativa ha permesso negli anni di raccogliere significativi fondi destinati al sostegno di importanti progetti di Ricerca e Assistenza e ha inoltre contribuito a far conoscere i progressi della ricerca scientifica nel campo dei tumori del sangue.
I rilevanti risultati negli studi e le terapie sempre più efficaci e mirate, compreso il trapianto di cellule staminali, hanno determinato un grande miglioramento nella diagnosi e nella cura dei pazienti ematologici. Oggi 7 pazienti su 10 guariscono o cronicizzano la malattia.
“Ma non è ancora abbastanza: il nostro obiettivo per il futuro – dicono da AIL – è continuare a far crescere la ricerca scientifica in ematologia e garantire un’assistenza sempre più qualificata.
Per farlo abbiamo bisogno che in tanti – l’1, 2 e 3 aprile – vengano in piazza ad abbracciare le Uova di Pasqua AIL che tornano a colorare di speranza i sogni dei pazienti ematologici con un nuovo incarto, più riconoscibile, ma che racchiude l’impegno di sempre: donare un futuro a quei  sogni”.
Scegliendo di sostenere AIL e le 82 Sezioni territoriali  con una donazione minima di 12 euro scegliamo di contribuire a:

• sostenere la ricerca scientifica con oltre 200 progetti di ricerca in tutta Italia;

• supportare il funzionamento di 105 Centri di Ematologia e di Trapianto di Cellule staminali;

• promuovere la formazione e l’aggiornamento professionale di medici, biologi, infermieri e tecnici di laboratorio.

• finanziare le cure domiciliari per adulti e bambini. Sono 42 le sezioni provinciali AIL che erogano il servizio;

• sostenere le case alloggio AIL, strutture situate nei pressi dei Centri Ematologici che accolgono i malati e i loro familiari costretti a spostarsi dal luogo di residenza per le cure. Sono 35 le sezioni provinciali che offrono il servizio,

• finanziare servizi socio-assistenziali ogni anno in 64 province italiane.

Nello specifico la Sezione livornese di AIL supporta il Reparto di Ematologia dell’ospedale di Livorno e sostiene i pazienti ematologici con servizi che consentano loro di superare i difficili momenti di cura e del successivo recupero fisico e psicologico. Tutte le iniziative di AIL  si realizzano grazie al contributo delle volontarie e dei  volontari AIL: un prezioso patrimonio che dà concretezza e amore a questi impegni di solidarietà.

Riproduzione riservata ©