Cerca nel quotidiano:


Martelli, ancora un record mondiale!

Intervista allo sportivo dei record mondiali Mauro Martelli. "La mia esperienza mi permette di dar voce alle persone che soffrono. Questo record lo dedico a Giancarlo Spinelli"

Lunedì 26 Febbraio 2018 — 11:00

di Giulia Bellaveglia

Mediagallery

Tentativo di record del mondo dei 100 km misti di indoor rowing della nazionale italiana andato a buon fine. Domenica 25 febbraio  a Firenze la nazionale di canottaggio indoor rowing, categoria pesi leggeri misti, ha battuto il record del mondo sulla distanza dei 100 km che apparteneva, fino a poche ore fa, ad un team francese con il tempo di 5 ore 7 minuti e 49 secondi. Il team capitanato dal livornese Mauro Martelli ha non solo battuto il record ma lo ha letteralmente stracciato scolpendo un tempo da guinness: 4 ore 56 minuti e 57 secondi.
La manifestazione, organizzata da Sportlandia Vigili del fuoco Tomei Livorno aveva oltremodo lo scopo sociale di sensibilizzare l’opinione pubblica verso la ricerca sul cancro a favore dell’Airc.
Un applauso al team azzurro composto da: Mauro Martelli (capitano), Antonello Cantera, Laura Ghioldi, Isabella Rossi, Edoardo Margheri, Chiara Sacco, Francesco Procaccianti,Andrea Carbone e Pier Mattia Basciano.
“Questa vittoria lo dedico a Giancarlo Spinelli – ha commentato a caldo Martelli – amico vero che è scomparso pochi giorni fa. Noi tutti dedichiamo questa vittoria a lui, persona umile e onesta che ha saputo essere una guida non solo per me ma anche per mio figlio”.

La testimonianza di chi ce l’ha fatta nonostante la malattia ha il volto di Mauro Martelli, capitano della nazionale indoor rowing. Livornese, classe 1966, nel 2012 ha sconfitto il cancro ed oggi dà supporto a chi si trova nella sua situazione tramite ciò che più gli piace, lo sport. Quilivorno.it l’ha intervistato per voi.

Mauro, più precisamente qual è il tuo sport?
Mi definisco un maratoneta del remo. Mi sono sempre distinto nelle lunghe distanze, sia in squadra, che da solo.

Pensi di essere nato con un vero talento?
Più che una predisposizione al talento per questo sport, quello che mi caratterizza è la enorme forza di volontà che metto nei miei allenamenti, arrivando ad allenarmi nove volte la settimana, senza mai saltare un allenamento.

Che risultati hai ottenuto?
Detengo più di 13 record mondiali, 22 titoli italiani e un titolo europeo.

Cosa puoi raccontarci della tua malattia?
Nel 2012 ho scoperto di avere un tumore quando già detenevo nove record del mondo.

La malattia ha fermato la tua attività sportiva?
No, tutt’altro. Ho continuato l’allenamento anche durante la chemioterapia e in quello stesso periodo ho anche vinto delle sfide.

Quali?
A maggio 2014 dopo un anno e un mese dal primo intervento ho conseguito uno dei miei record mondiali.

Oggi, a cosa serve questa tua esperienza?
La mia esperienza mi permette di dar voce alle persone che soffrono. Mi piace, tramite i miei risultati, far capire loro che quando si incontra uno scoglio come un tumore la vita non finisce, bisogna lottare certo, ma pensando che ce la si può fare.

In che modo ti metti in contatto con queste persone?
Alcune mi chiamano direttamente per chiedermi consigli e devo ammettere che non me lo sarei mai aspettato. Inoltre, sono testimonial dell’Airc (Associazione italiana per la ricerca sul cancro) e lego ogni mia attività all’Associazione Sportlandia, che si occupa di far praticare sport a persone con disabilità.

I partner che hanno reso possibile la realizzazione di questa impresa sono: Comune di Firenze, Comune di Livorno, Galleria degli Uffizi per la concessione delle Logge, Regione Toscana, Federazione Italiana Canottaggio, Unione Nazionale Veterani dello sport di Livorno sez. “Nedo Nadi”, CONI Comitato Regionale Toscana, Associazione Nazionale Azzurri d’Italia, Gioielleria Martini di Livorno, Eurobudget, Farmacia Farneti, studio geometra Vasile. Alla conferenza di presentazione erano presenti V ittorio Pasqui (vice presidente Sportlandia Vigili Fuoco Tomei). Gianni Giannone (delegato CONI provinciale), Andrea Morini (Assessore sport Comune di Livorno), Rodolfo Graziani (Azzurri d’Italia), Fedrico Martini (gioelleria Martini che ha coniato le medaglie commemorative dell’evento nonché teoforo dell’ultima olimpiade invernale che si sta svolgendo in Corea del Sud), Alessio Cavallini e Anna Mannucci (Eurobudget) oltre naturalmente al capitano della nazionale indoor rowing Mauro Martelli.

Riproduzione riservata ©

4 commenti

 
  1. # lupodeilupi

    Un saluto grosso a Martelli simpatico coetaneo amico d’ infanzia. Stefano

  2. # piero

    GRANDE !!! IN BOCCA AL LUPO

  3. # mitch

    Bordaaaaa!!! un abbraccio Simo

  4. # Gianfranco Borghetti

    Tanti complimenti all’inossidabile amico Mauro!