Cerca nel quotidiano:


Real Livorno Game Over 2018, “mascherine solidali” per i più bisognosi

Le mascherine sono acquistabili tramite la pagina Facebook della società sportiva Game Over 2018. Il ricavato verrà donato, tramite Appartenenza Labronica, a persone in difficoltà economica

Giovedì 17 Dicembre 2020 — 18:59

Mediagallery

Il Real Livorno Game Over 2018, la regina delle squadre di calcio a 5 amatoriale livornese, non poteva rimanere a guardare in questa seconda ondata della pandemia. Dopo l’iniziativa che ha visto gli atleti dei Lupi Rosso Neri spendersi in un palleggio virtuale che, durante il primo lockdown, ha unito, se pur in maniera immaginifica, tutto il popolo del calcio labronico (clicca qui per rivedere il video) in questa coda di 2020 i lupacchiotti di Lepri and Co. sono scesi in campo direttamente con un’iniziativa benefica. Ed ecco che sono state prodotte e distribuite per beneficenza le mascherine anti-covid targate Game Over 2018. Le mascherine saranno ordinabili tramite la pagina Facebook ufficiale della società e l’intero ricavato sarà devoluto alla Onlus Appartenenza Labronica, associazione nata dalla volontà di Bruno Rotelli, nata da poco con un unico e ben preciso scopo: fare del bene.
E in questo caso i soldi che saranno ricavati saranno devoluti nei confronti di persone bisognose e dei disabili. “Abbiamo già avuto decine di ordinazioni di queste mascherine benefiche – spiega Michael Lepri a QuiLivorno.it – E non vediamo l’ora di riceve altri ordini per poter fare del bene a tantissime persone. Tutto ciò è stato possibile anche alla generosità e al contributo di tanti nostri amici come Euroteca vernici e colori. Pizzeria Charleston, Family bar, Retos italia, Di Rocca Assicurazioni, Shine Chic di Cristian Catania, Amamè Estetica e Solarium, Centro medico mens sana, Remake di Andrea fornaciari e Toscana Serramenti di Oprea Nicolae. Grazie a loro questo progetto di solidarietà ha preso piede. Adesso basta solo acquistare una mascherina del Game Over 2018, un piccolo gesto che però speriamo possa aiutare in qualche maniera le famiglie livornesi in difficoltà”.

Riproduzione riservata ©