Cerca nel quotidiano:


Una giornata all’insegna della sicurezza. “Mi aspetto la presenza dei politici”

L'evento prevede una serie di incontri sui temi dei traumi spinali e della loro prevenzione e sull'autonomia di persone con disabilità. Un mezzo in memoria di Martina Bechini, la ragazza venuta a mancare a causa dell'alluvione

Mercoledì 21 Febbraio 2018 — 10:59

di Giulia Bellaveglia

Mediagallery

Tutti noi compiamo spesso azioni ordinarie come fare una passeggiata con gli amici, prendere un gelato o fare un giro nel centro città. Tuttavia, ciò che per noi può sembrare banale può risultare di estrema difficoltà per persone con disabilità e per le loro famiglie. Proprio per sensibilizzare l’attenzione su questo tema l’Associazione Paraplegici Livorno ha organizzato un congresso dal titolo “Prevenzione” in programma per venerdì 23 febbraio dalle 8,30 alle 18 negli spazi del Terminal Crociere alla Stazione Marittima.
L’evento, interamente gratuito, patrocinato da Fondazione Livorno, Comune di Livorno, Azienda Usl Toscana Nord Ovest e con il sostegno di Porto di Livorno 2000 e Autorità di Sistema Portuale del Mar Tirreno Settentrionale prevede nella prima parte una serie di incontri con medici, forze dell’ordine e associazioni di volontariato sul tema dei traumi spinali e la prevenzione di questi ultimi. Nella seconda parte invece dibattiti, testimonianze e presentazione di alcuni dei mezzi che da anni l’Associazione mette a disposizione di persone con disabilità per consentire loro di essere autonomi.
Nello specifico alcuni tra gli eventi in programma (clicca qui per vedere il programma completo) sono: l’incontro con Paolo Ghelardi dei vigili del fuoco per il tema degli incidenti stradali; l’incontro con il dottor Antonio Augusti e con il dottor Giuseppe Meucci rispettivamente sui temi delle lesioni osteo-articolari e degli effetti dell’alcool e delle sostanze stupefacenti alla guida; la simulazione di soccorso su traumatizzato ad opera delle Misericordie di Livorno e dell’Svs; la presentazione di un nuovo mezzo adattato in memoria di Martina Bechini, la ragazza venuta a mancare a causa dell’alluvione del 10 settembre scorso.
“Questa giornata è stata fortemente voluta dalla nostra associazione perché crediamo sia fondamentale investire sui giovani e sulle loro coscienze – ha detto Fabrizio Torsi, presidente dell’Associazione Paraplegici Livorno – Inoltre vogliamo raccontare a chi vive una situazione di invalidità che il futuro esiste, certo, richiede impegno e una grande forza di volontà, ma esiste. Mi auguro una grande partecipazione da parte delle figure politiche della nostra città. Se credono che questa vita sia possibile nonostante le difficoltà mi aspetto da loro un grande sostegno su ogni fronte che può riguardare una persona con disabilità”.

Riproduzione riservata ©