Cerca nel quotidiano:


Walking Together con Special Olympics

Gli atleti, le famiglie, i volontari hanno accolto con entusiasmo la possibilità di ulteriori momenti di vita sportiva insieme. L’allenamento si svolge due volte a settimana, con sedute di almeno un'ora, incentrate sul fattore aerobico, utilizzando la camminata sportiva, corsa e/o bicicletta

Domenica 22 Agosto 2021 — 11:23

Mediagallery

A partire dal mese di maggio le associazioni Sportlandia e “Centro San Simone gli amici di tutti” Onlus hanno aderito ad un nuovo percorso sportivo, si tratta di un programma di allenamento promosso congiuntamente da Special Olympics e Sport e Salute, le cui linee progettuali derivano dalle linee guida, pubblicate il 25 novembre dall’Organizzazione Mondiale della Sanità, che forniscono indicazioni utili per i soggetti di tutte le età e abilità, oltre a persone che convivono con condizioni croniche o disabilità.
Le nuove linee guida raccomandano almeno 150-300 minuti di attività aerobica (da moderata a intensa) a settimana per tutti gli adulti. Queste linee guida, insieme all’analisi dei benefici del movimento per una crescente ripresa della quotidianità, soprattutto in una situazione di emergenza sanitaria che ha avuto effetti sulla saluta psico-fisica di atleti, famiglie e comunità in generale, tra cui isolamento e sedentarietà, stanno alla base di questo programma nazionale di Special Olympics.

Gli atleti, le famiglie, i volontari hanno accolto con entusiasmo la possibilità di ulteriori momenti di vita sportiva insieme. L’allenamento si svolge due volte a settimana, con sedute di almeno un’ora, incentrate sul fattore aerobico, utilizzando la camminata sportiva, corsa e/o bicicletta. Gradualmente, cercando di avere un occhio di riguardo per il personale ritmo di ciascuno, il gruppo ha migliorato molto le prestazioni, passando da una passeggiata molto lenta, ad un ritmo di corsa, alternato a camminata sportiva, di 8.30 min/kim. Risultati sportivi di cui i ragazzi vanno molto fieri, ma vanno di pari passo con salute e benessere, caratteristiche principali dello sport, che nella pratica allena anche la socializzazione, il sostegno reciproco, l’attenzione a sé e all’altro, allenando anche alla sana competizione. Gli allenamenti stanno diventando via via occasione di ulteriori esperienze di gruppo, come un bagno ai Tre Ponti dopo l’allenamento e spesso la collettività  osserva, sostiene e incoraggia.
“Cercheremo una modalità per l’individuazione di sentieri – fanno sapere gli organizzatori – e percorsi urbani, adatti ai nostri atleti, per dar loro modo di conoscere meglio il nostro territorio e far conoscere al territorio i nostri atleti e la loro energia, le loro potenzialità. Per ora ci potete incontrare spesso sul lungomare livornese dalla Terrazza Mascagni fino a dopo i Tre ponti”.

Riproduzione riservata ©