Cerca nel quotidiano:


Accademia della Scherma Livorno, che esperienza a Parigi!

La competizione, riservata alle categorie U14 e U17, è stato un vero tour de force con i ragazzi che in soli due giorni hanno affrontato 3 gironi ed il tabellone delle eliminazioni dirette con ripescaggi

giovedì 07 Febbraio 2019 17:18

di Filippo Ciapini

Mediagallery

Altro weekend di fuoco per gli schermidori dell’Accademia della Scherma Livorno che sono volati a Parigi per la “Marathon Fleuret”. La competizione, riservata alle categorie U14 e U17, è stato un vero tour de force con i ragazzi che in soli due giorni hanno affrontato 3 gironi ed il tabellone delle eliminazioni dirette con ripescaggi. “È stata veramente una bella esperienza per i nostri giovanissimi che hanno dimostrato di saper reggere il confronto con tutti gli atleti presenti – ha sottolineato il maestro Dario Finetti – adesso però testa ai campionati italiani a squadre di fioretto e di spada”.
Gli acuti sono arrivati da Viola Fioriti, decima su 174 e Samuel Robson tredicesimo su 318. Si sono ben comportati anche Bernardo Taddei, Alessandro Biondi, Samuele Rossi e Jhon Venuta. I prossimi impegni della società livornese vedranno, nel prossimo weekend, i Top nel Grand Prix di Torino, gara mondiale assoluta dove saranno impegnati Edoardo Luperi ed Alessandro Paroli mentre, per quanto riguarda i più piccoli, come già detto da Finetti, sarà la volta dei campionati italiani a squadre di fioretto, a Colle val d’Elsa, e spada a squadre a Bolzano, tra due settimane.

Riproduzione riservata ©

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Dichiaro di aver letto, ai sensi dell'art. 13 D.Lgs 196/2003 e degli art. 13 e 14 del Regolamento (UE) 2016/679, l'Informativa sulla Privacy e di autorizzare il trattamento dei miei dati personali.
Il commento e il nick name da lei inseriti potranno essere pubblicati solo previa lettura da parte della redazione. La redazione si riserva il diritto di non pubblicare o pubblicare moderandolo sia il commento che il nick name. Se acconsente prema il bottone qui sotto “commenta l’articolo”.