Cerca nel quotidiano:


Due “ninja” livornesi in tv a “Lo show dei record”. IL VIDEO

Sono Nicola Gini, 30 anni, e Martina Lottini, 19 anni, entrambi atleti di punta del Ninja Cave di via Pera all'interno dello Zen Club

Giovedì 24 Marzo 2022 — 16:39

Mediagallery

Il livornese Nicola Gini, 30 anni, batte il record del mondo della Flyng bar, una delle più difficili specialità dei percorsi ad ostacoli Ninja, disciplina sportiva estrema sempre più diffusa nel mondo. La prova si è svolta nel corso della trasmissione “Lo show dei record” condotta da Gerry Scotti (clicca qui per vedere il VIDEO dell’esibizione).
“Una grande soddisfazione – commenta Nicola – Sono felice”. Purtroppo il nome del campione livornese della Ninja Cave, il settore degli sport estremi dello Zen Club di via Pera, non sarà scritto nel grande libro del Guinnes perché il gigantesco atleta hawaiano Grant Mccartney, uno dei massimi specialisti al mondo del settore, supera il nuovo record per un soffio al termine di una avvincente sfida. “Ma nel nostro ambiente la vittoria del singolo conta relativamente – dice Michele Silvestri, preparatore tecnico di Gini e ideatore della Ninja cave – Lo scopo è di superare gli ostacoli, di andare sempre avanti”.
Ed infatti lo stesso Gerry Scotti ha espresso la sua meraviglia quando ha visto Nicola e Grant che facevano l’uno il tifo per l’altro. Ed il grande abbraccio finale tra i due atleti che, insieme, sono poi andati a festeggiare i risultati ottenuti. La Flyng bar prevede di saltare, con una sbarra tra le mani, più ostacoli possibili sospesi in linea retta, su una speciale struttura di 12 metri. “Una prova durissima – aggiunge Michele che, tra l’altro, è l’unico finalista mai caduto sugli ostali durante la trasmissione Ninja Warrior disputata in Italia – Ci lavoreremo ancora, in particolare sulle nuove strutture delle quali ci stiamo dotando qui, proprio al nostro centro di via Pera”. Con Gini continuerà ad allenarsi duramente anche Martina Lottini, 19 anni, altra atleta di punta della Ninja cave. Anche Martina ha partecipato, nella puntata precedente, alla trasmissione di Gerry Scotti. La sua prova era quella del salto della “Salmon Ladder”, ovvero “trazioni esplosive su una struttura di sei metri”. Martina, l’unica italiana in gara, è stata superata dalla concorrente olandese che ha potuto contare, tra l’altro, su una maggiore esperienza in campo internazionale. Martina, che viene dal mondo del windsurf dove ha ottenuto grandi risultati a livello nazionale ed internazionale non è certo tipo da perdersi di coraggio. E l’ha dimostrato anche quando lo scorso anno ai Tre Ponti, non ha esitato un attimo a tuffarsi, con un mare piuttosto agitato, per salvare un amico surfista in gravi difficoltà ad una discreta distanza dalla riva. In quella occasione, quando è stata intervistata da Magalli, ancora in Tv, ha detto con semplicità e modestia che non riteneva di aver fatto niente di eccezionale. “Semplicemente quello che era giusto fare”. Per la “salmon” ha chiesto una rivincita. La scelta dello staff di Gerry Scotti è caduta su Martina e su Nicola in quanto vincitori del torneo internazionale Ninja Challenge, disputato per selezionare i partecipanti al campionato del mondo che si svolgerà quest’anno negli Stati Uniti. La Ninja Challenge ha avuto luogo a novembre a Livorno, nella struttura di via Pera, tra le pochissime in Europa ad avere sale attrezzate con ostacoli omologati dalla organizzazione americana.

Riproduzione riservata ©