Cerca nel quotidiano:


Gaimari, il ritorno da Capo Nord. “Pedalavo per 12 ore al giorno a -26 gradi”

Come vi avevamo già raccontato l'escursio-ciclista livornese è partito circa un mese fa alla volta delle isole Lofoten ha pedalato per un totale di 1350 km diventando l'unico essere umano al mondo ad aver percorso una così lunga distanza durante il lungo e glaciale inverno nordico

Giovedì 20 Febbraio 2020 — 16:16

di Filippo Ciapini

Mediagallery

Adesso l'ultracyclist livornese si preparerà per una prova molto dura che consisterà nel completare una sorta di percorso ciclabile misto a prove di trekking e da alpinista. Progetto ancora top secret che rivelerà soltanto in seguito

Giuseppe Gaiamari ce l’ha fatta, ha conquistato Capo Nord in bicicletta. Come vi avevamo già raccontato l’escursio-ciclista livornese è partito circa un mese fa alla volta delle isole Lofoten ha pedalato per un totale di 1350 km diventando l’unico essere umano al mondo ad aver percorso una così lunga distanza durante il lungo e glaciale inverno nordico. Un’impresa volta alla sensibilizzazione sul tema ambientale che nonostante i piccoli intoppi (Gaimari ha dovuto allungare di 350 km il percorso a pedalata in corso) che però non lo hanno scalfito: “E’ stata dura, sono arrivato a pedalare anche per dodici ore consecutive, è stata una soddisfazione immensa poter consegnare la bandiera della città” ha commentato.
L’atleta ha così incontrato il sindaco Luca Salvetti il quale ha ricevuto una targa commemorativa consegnata dal primo cittadino delle Lofoten e fatto i complimenti per la sensazionale impresa. “Non solo la temperatura che raggiungeva i 26 gradi sotto lo zero – ha continuato Gaimari – La difficoltà maggiore è stata quella di gestire  la strada completamente ghiacciata che a causa del suo doppio strato mi portava letteralmente fuori strada. Ho visto però dei panorami bellissimi”.
Adesso l’ultracyclist livornese si preparerà per una prova molto dura che consisterà nel completare una sorta di percorso ciclabile misto a prove di trekking e da alpinista. Progetto ancora top secret che rivelerà soltanto in seguito.
Per il momento, però, resta comunque un’impresa mai fatta prima con la bandiera della città che, da adesso, sventolerà cullata dall’aurora boreale.

Riproduzione riservata ©

5 commenti

 
  1. # Cristina

    Bravissimo ,risultato eccezionale

  2. # Stefano Scarpellini

    Devo essere sincero; tanta costanza, volontà, a volte sono invidiabili. Da me compreso.

  3. # Andrea Cognetta

    Un’altra perla (umana) che viene dalla nostra città. Solo applausi….

  4. # Toto54

    Bravo davvero, con la passione e la forza di volontà (e anche tanto allenamento) si possono fare grandi cose ! Complimenti.

  5. # Sandro65

    Un esempio di grande sportivo, grande atleta. Impari certa gente che non rincorre il proprio avversario in una metà campo di calcio (ogni riferimento è puramente non casuale).