Cerca nel quotidiano:


L’Accademia dello Sport BluBay lascia il segno da protagonista anche agli Open di Croazia

La gara disputata nel palasport della città di Rijeka (Croazia) ha visto la partecipazione di quasi 2000 atleti con 270 società partecipanti arrivate da 25 nazioni diverse

mercoledì 09 Ottobre 2019 11:05

La gara disputata nel palasport della città di Rijeka (Croazia) ha visto la partecipazione di quasi 2000 atleti con 270 società partecipanti arrivate da 25 nazioni diverse. Tre giorni di gara 4-5-6 ottobre molto intensi in una delle gare tra le più apprezzate in Europa per organizzazione e livello tecnico dei partecipanti.

Quattro gli atleti della palestra labronica dell’Accademia dello Sport BluBay, iscritta allo Csen (Ente di Promozione Sportiva riconosciuto dal Coni) in gara, 4 nel kumite (combattimento) e 1 nel kata (forma), in rappresentanza della Nazionale di karate di San Marino, grazie alla collaborazione, ormai pluriennale, fra la realtà labronica in netta ascesa del maestro Alessio Magnelli ed il presidente della Federazione Sammarinese Fesam maestro Maurizio Mazza.

La prima a scendere sul tatami di gara è stata il sabato Matilde Gronchi nel kumite Juniores -48 kg che, in una categoria di alto livello, si è presa una bellissima soddisfazione salendo sul 3°gradino del podio con 4 incontri ben gestiti. Matilde supera agevolmente gli ottavi di finale prima di ritrovarsi ai quarti contro l’atleta italiana con la quale si porta in vantaggio e, se non fosse per una scellerata squalifica a 0,1 secondi dalla fine inflittale dall’arbitro centrale, l’avrebbe lanciata per giocarsi la vittoria finale. Ripescata vince la semifinale e la finale di recupero contro 2 atlete croate, portando a casa una preziosa medaglia di Bronzo.

La domenica sfiora, invece, il podio Emanuele Magnelli nel kumite Under14 +57kg che vince sfortunatamente la “medaglia di legno” perdendo la finale per il terzo posto. Il bravo atleta emergente labronico vince bene i primi 2 incontri con gli atleti di casa per 3-0 e 2-0 senza fatica e gestendo le forze, rese meno dallo stato febbrile con cui ha gareggiato. La semifinale è con il bravo Campione Italiano Andrea Bozzi, già battuto all’Open di Italia, che questa volta, però, ha la meglio su Emanuele con un risultato di misura per 1-0. La finale per il terzo posto è contro l’atleta Slovacco, persa a 8 secondi dalla fine per un discutibile punto assegnato a favore dell’avversario.

Bene le prove degli altri tre atleti dell’Accademia dello Sport BluBay Livorno, l’esordiente Lorenzo Bertini nel kumite Under12 -42kg, alla sua prima esperienza internazionale che perde, dopo un buon incontro, con il bravo atleta croato per 3-1. Diego Caponera nel kata Juniores, alla sua prima uscita in questa categoria, perde nei turni preliminari con l’atleta delle Fiamme Oro dimostrando una netta crescita fisica e tecnica. Jessica Enache bene nel kumite Under14 -45kg esce contro l’atleta croata dopo un combattimento ben gestito che avrebbe sicuramente meritato al giudizio arbitrale (Hantei) miglior fortuna, dopo che l’incontro era finito 0-0. Grande la soddisfazione dei tecnici Alessio Magnelli e Carmelo Triglia per l’ennesima prova di alto livello dimostrata da tutti gli atleti in gara.

Riproduzione riservata ©

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Dichiaro di aver letto, ai sensi dell'art. 13 D.Lgs 196/2003 e degli art. 13 e 14 del Regolamento (UE) 2016/679, l'Informativa sulla Privacy e di autorizzare il trattamento dei miei dati personali.
Il commento e il nick name da lei inseriti potranno essere pubblicati solo previa lettura da parte della redazione. La redazione si riserva il diritto di non pubblicare o pubblicare moderandolo sia il commento che il nick name. Se acconsente prema il bottone qui sotto “commenta l’articolo”.