Cerca nel quotidiano:


Rugby, dopo il grave infortunio il livornese Del Bono torna a vestire l’azzurro

Mediano di apertura classe 2000 attualmente è nella rosa dell'Hrs Colorno, in Top12. Dopo un grave infortunio alla spalla che lo ha tenuto lontano dai campi di gioco per sei mesi, è tornato a correre con la palla ovale e sarà nei convocati della Nazionale Azzurra a sette

Mercoledì 12 Maggio 2021 — 11:38

di Filippo Ciapini

Mediagallery

La bella impressione fatta alle World Challenger Series dello scorso anno ha fatto sì che l’allenatore però non perdesse mai la fiducia nei suoi confronti

Una bella storia di rivincita arriva dal mondo del rugby. È da poco terminato il raduno dell’Italia Seven che porterà i suoi rappresentanti ad alcune attività di fine maggio a Valladolid dove gli azzurri convocati sfideranno le selezioni di Francia e Spagna. Tra questi figura anche il mediano di apertura Rocco Del Bono, attualmente all’Hbs Colorno in Top12. La storia del livornese classe 2000 è però molto particolare. Il giovane ha infatti subito un grave infortunio alla spalla che lo ha tenuto fuori dal campo per oltre sei mesi: “In allenamento c’è stato un contrasto duro che mi ha lesionato il legamento più importante della spalla, mi sono dovuto operare ma adesso eccomi qua, sono tornato”, ci ha raccontato Rocco Del Bono raggiunto telefonicamente. La bella impressione fatta alle World Challenger Series dello scorso anno ha fatto sì che l’allenatore però non perdesse mai la fiducia nei suoi confronti: “Durante il tempo di recupero – ha continuato Rocco – mi ha sempre seguito mi chiedeva come stavo, mi sono sempre sentito parte del gruppo ed è stato bello”.
Il rugby a sette, valido soltanto per le rappresentative nazionali, poggia di base su due principi: velocità e resistenza. Mentre Rocco Del Bono con il club della provincia di Parma gioca a quindici, con la maglia azzurra copre le stesse misure del campo ma con otto uomini in meno. Il tutto in due tempi da sette minuti effettivi. Una bella sfida che però non lo spaventa: “Questo ramo del rugby mi sta appassionando sempre di più, valorizza le mie caratteristiche fisiche, c’è tantissima intensità” dice il mediano di apertura livornese. Tornato in maglia azzurra, occhi puntati sul prossimo obiettivo che sarà quello di ripetere quanto fatto lo scorso anno e volare prima agli Europei in Russia e Portogallo e poi nuovamente alle World Challenger Series. Ma intanto si continua a pensare a tornare nella migliore condizione: “Il mio infortunio capita molto stesso, diciamo che è comune – ha concluso Rocco Del Bono – All’inizio ero un po’ titubante ma quando c’è stata la prima partita l’adrenalina ha preso il sopravvento, sono tornato a fare quello che volevo e quando sono in campo non ci penso più, do tutto”.

Riproduzione riservata ©