Cerca nel quotidiano:


Zen Club, via al primo torneo E-Kata

Sono i giudici al lavoro, sempre via Internet, a stabilire chi avrà diritto a salire sul podio, stavolta non virtuale che sarà allestito appena possibile. Ma intanto tutti possono essere contenti. Mai come in questo momento l’importante non è vincere ma partecipare

Mercoledì 20 Maggio 2020 — 11:45

Mediagallery

Il ju jitsu non si ferma ed in contemporanea alle lezioni on line, dallo Zen club, sede nazionale della World ju jitsu/Csen parte l’idea di un torneo, sempre attraverso la Rete: il primo torneo E-Kata. L’idea è piaciuta ed in pochi giorni sui computer della società di via Pera sono arrivati ben 162 elaborati da tutta Italia, tra disegni e video di kata. Il kata è una forma che si può fare da soli, un po’ come l’esercizio del vuoto nel pugilato. Richiede concentrazione ed una buona preparazione tecnica. Un esercizio non facile se deve essere fatto tra le mura domestiche, con mille ostacoli “naturali” ovvero tavoli, sedie, mobili nonché fratelli più o meno dispettosi, cani e gatti di varie razze. Ma ogni ostacolo è stato superato e gli atleti hanno, anzi, coinvolto tutti nel loro lavoro. Così i video ci mostrano forme realizzate nel bel mezzo della cucina o in terrazza. A volte con cani e gatti che scorrazzano incuriositi di fronte ai loro padroni. Ma anche video ai  quali hanno partecipato fratelli e genitori.
Insomma, il torneo è stata anche l’occasione per fare qualcosa di diverso nei duri giorni di clausura forzata. Ed anche l’opportunità di capire un po’ di più il valore delle antiche arti dei samurai. Arti che, non a caso, insegnano a non arrendersi mai e che le avversità si “dominano senza opporvisi”. Ora le iscrizioni al torneo sono finite. Ed anche se l’aspetto agonistico passa in secondo piano di fronte a tutto il resto,  visto di torneo comunque si tratta, ci saranno dei giudici che diranno chi sono stati i migliori. Sono i giudici al lavoro, sempre via Internet, a stabilire chi avrà diritto a salire sul podio, stavolta non virtuale che sarà allestito appena possibile. Ma intanto tutti possono essere contenti. Mai come in questo momento l’importante non è vincere ma partecipare.

Riproduzione riservata ©